Rassegna Stampa

Roma, dentro o fuori: la notte con il Porto vale già la stagione

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 23-08-2016 - Ore 07:38

|
Roma, dentro o fuori: la notte con il Porto vale già la stagione

LA REPUBBLICA - PINCI - Novanta minuti ad agosto possono dirti chi sarai a giugno. Non c’è solo il valore economico della partita, non c’è solo l’ambizione sportiva: il Porto per Spalletti disegna, a sette giorni appena dall’inizio della stagione ufficiale, le prospettive della Roma. Partecipare o meno alla fase a gironi della Champions League passa da qui, dall’Olimpico. Vinci e hai già vinto, magari poi puoi pure pensare di “regalarti” Borja Valero. Perdi e devi gestire le conseguenze del primo fallimento prima ancora che sia settembre. Ma il pallone ha la forma di un salvadanaio: la qualificazione garantisce flussi di cassa in entrata per almeno 28 milioni, se tutto andasse male. Anche 35 con un po’ di buona sorte. Precipitare in Europa League fa aprire un paracadute da 11 milioni, ma non evita il fallimento sportivo. E fallire vuol dire indebolirsi anche economicamente. E quindi vendere, se non subito a gennaio, un pezzo pregiato.

Da stasera la Roma saprà come riprogrammarsi: più del peso di Strootman, più delle parate di Alisson o Szczesny conterà la gestione dell’1-1 dell’andata. A Spalletti però la certezza che basti non prender gol per qualificarsi sembra una trappola: «Fare troppi calcoli rischia di abbassare il livello della nostra qualità. Non ci affidiamo al destino, noi alla partita vogliamo andarle incontro, perché aspettiamo di viverla da otto mesi. Siamo a casa nostra e vogliamo fare i padroni».

La casa sarà un po’ più piena del solito, visto che la curva sud, a sei mesi dall’ultima volta (col Real a febbraio), è di nuovo sold out o quasi. Magari darà una mano a combattere contro un paio di tabù: negli ultimi 6 anni l’unica italiana che ha superato indenne la selezione all’ingresso della Champions League è stato il Milan nel 2013. Hanno fallito Samp e Udinese, Napoli e Lazio. C’è poi quella specie di maledizione che s’è annodata ai destini europei della Roma americana: 7 sconfitte in 15 gare di Champions e soltanto due successi. Tutti all’Olimpico, il fattore su cui prova a puntare Strootman: «Averlo pieno renderebbe tutto meno difficile per noi, e più complicato per loro. Sarebbe quasi come giocare in dodici». Dovrà accontentarsi però di 35mila persone, e non solo perché i romani sono ancora in vacanza.

Dalla “vacanza” tornerà il romano De Rossi, risparmiato sabato con l’Udinese per non lasciare scoperta la squadra stasera, visto che mancherà già Vermaelen, squalificato. Accanto a lui, nella difesa senza Florenzi (su cui è tornato a mettere gli occhi il Chelsea), debutta in Champions Bruno Peres, con Jesus e il tremebondo Emerson. Il leader dietro sarà Manolas, che non voleva restare, a centrocampo Nainggolan, che non è voluto partire. Pure Perotti torna dall’inizio: i due rigori realizzati in campionato hanno fatto dimenticare un po’ il “musino” di Oporto dopo la sostituzione. A tifare contro la Roma, oltre ai duecento portoghesi attesi all’Olimpico, pure Juve e Napoli: con i giallorossi fuori, i primi a guadagnarci (circa 8 milioni a testa dai diritti tv) sarebbero loro.

Fonte: La Repubblica - M.Pinci

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom