Rassegna Stampa

Roma, Doumbia non preoccupa. Pallotta atteso per il derby?

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 04-05-2015 - Ore 18:47

|
Roma, Doumbia non preoccupa. Pallotta atteso per il derby?

La soddisfazione del presidente Pallotta per il secondo posto riconquistato e per i bambini che ieri hanno riempito l’Olimpico, quella di Rudi Garcia per una squadra che, dopo settimane difficili riesce a godersi un lunedì senza tensioni, e quella dei giocatori, che festeggiano i 27 anni di Radja Nainggolan e aspettano la partita di sabato sera a San Siro contro il Milan per provare a cogliere il terzo successo consecutivo.

DOUMBIA, ESAMI RINVIATI — Al Meazza dovrebbe esserci anche Seydou Doumbia, che ieri ha lasciato il campo con un affaticamento ai flessori della coscia sinistra ma oggi era a casa a riposarsi come i compagni. Esami rinviati di 24 ore, con lo staff medico giallorosso che crede possa trattarsi soltanto di una contrattura senza particolari conseguenze e dovuta alle 2 partite di fila dal primo minuto in quattro giorni. L’umore dell’ivoriano è ottimo, così come quello del resto della squadra che adesso, per il rush finale, spera di ritrovare Maicon. Le speranze sono ridotte al minimo, visto che manca meno di un mese alla fine della stagione, ma il brasiliano sta provando a recuperare tanto che stamattina era a Trigoria a lavorare.

 

PALLOTTA E I BAMBINI — Tolti gli infortunati di lungo corso (lo stesso Maicon e Castan e Strootman) Garcia per le ultime 4 di campionato avrà a disposizione tutta la rosa. Per il derby del 24 maggio potrebbe venire a Roma anche Pallotta: il presidente ci sta pensando, dipenderà dai suoi impegni negli States e sulla scelta non influirà il rischio contestazione che una parte della curva Sud potrebbe riservargli. Di certo, gli hanno fatto piacere i fischi che sono arrivati da gran parte dell'Olimpico quando una parte della curva lo ha contestato anche domenica contro il Genoa: Pallotta li ha visti e sentiti dalla tv poi, al 90', ha chiamato i dirigenti. Ha apprezzato i 3 punti ottenuti dalla squadra e ha apprezzato anche la presenza sugli spalti di 400 bambini delle scuole romane invitati nell’ambito del progetto “A scuola di tifo”. I bambini hanno esposto striscioni e disegni contro razzismo e bullismo e iniziative del genere saranno replicate anche la prossima stagione.

VERDE PREMIATO — Stagione in cui spera di far parte della rosa di prima squadra anche Daniele Verde. Accantonato da Garcia negli ultimi tempi, tornato in Primavera da De Rossi per la doppiafinale di Coppa Italia con la Lazio, l’attaccante ha ricevuto il Premio Prisco per la lealtà, la correttezza e la simpatia sportiva: “Sono contento per questo riconoscimento, mi dispiace per la sconfitta in Coppa, non abbiamo iniziato la gara nel modo giusto e ne abbiamo pagato le conseguenze, ma ciò non toglie nulla al nostro talento ed andremo avanti per la nostra strada in questo finale di stagione”. Finale di stagione che Verde spera sia positivo per la Primavera ma anche per la prima squadra: “È stata una grande gioia tornare ad essere secondi. Ora mancano 5 partite importanti: noi non ci fermeremo”.

Fonte: Gazzetta.it- C.Zucchelli

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom