Rassegna Stampa

Roma, Dzeko e Florenzi a riposo contro l'Empoli

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 14-10-2015 - Ore 12:43

|
Roma, Dzeko e Florenzi a riposo contro l'Empoli

LA GAZZETTA DELLO SPORT - Zucchelli - A Trigoria più di qualcuno in questi giorni diceva: “Torneranno stanchi, ma speriamo felici”. Detto, fatto. La Roma riabbraccia oggi pomeriggio i quattro nazionali Pjanic, Dzeko, Nainggolan e Florenzi e anche se fisicamente non sono al meglio hanno molti motivi per sorridere. Il centrocampista azzurro, un gol, un altro annullato e un assist contro la Norvegia, dopo la Roma sta trovando sempre più spazio anche nell’Italia di Conte e ieri, davanti ai genitori, alla moglie e a tutti i suoi amici più cari, si è tolto la soddisfazione di segnare nello stadio di casa.

Contro l’Empoli dovrebbe giocare Maicon in difesa, ma Florenzi potrebbe essere spostato più avanti, come a Palermo, oppure Garcia potrebbe concedergli un turno di riposo per poi averlo fresco nella fondamentale battaglia di Champions contro il Leverkusen.
Difficilmente, invece, il tecnico farà a meno di Nainggolan e Pjanic. Stanchi sono stanchi, visto che giocano sempre sia con la Roma che con le rispettive nazionali, ma magari dove non arrivano le gambe può arrivare la testa. La Bosnia, con un rush finale di 6 punti in 2 partite, è riuscita a qualificarsi per i play off dell’Europeo. Grande festa a Sarajevo, grandi speranze di riuscire a centrare la qualificazione per la Francia dove, invece, Radja Nainggolan dice che il Belgio deve “andare per vincere”.
Anche lui, come Florenzi, aveva in tribuna la famiglia (moglie, figlia e suoceri arrivati dall’Italia), e anche lui, al fischio finale, ha festeggiato tanto. Il Belgio, infatti, è per la prima volta anche al comando del ranking Fifa:È qualcosa di incredibile – ha detto il centrocampista della Roma – e adesso gli avversari hanno paura di noi. Sappiamo che all’Europeo troveremo squadre più esperte, ma noi abbiamo tanta qualità e dovremo andare lì con l’idea di poter vincere, facendo tesoro dell’esperienza al Mondiale”. In Brasile lui non c’era, adesso Wilmots non lo toglie mai: “Sicuramente – ha ammesso Nainggolan – sento la sua fiducia”.
La fiducia, e il morale, sono buoni anche per Edin Dzeko: il bosniaco ha mantenuto la promessa fatta alla Roma, è andato ad aiutare i compagni come capitano non giocatore, si è allenato seguendo le indicazioni di Trigoria e non ha corso rischi. La sua presenza è stata importante ma non decisiva, visto che la squadra ha vinto entrambe le partite senza costringerlo ad entrare in campo. Per i playoff sarà diverso, ma intanto a Roma hanno tirato un sospiro di sollievo.
Oggi i medici e Garcia parleranno con lui, la sensazione è che anche contro l’Empoli Dzeko partirà dalla panchina o, se invece giocherà dall’inizio, non farà 90’, per poi essere il perno dell’attacco martedì in Champions contro il Bayer Leverkusen. La lesione al collaterale del 26 settembre contro il Carpi è in via di guarigione, ma meglio non correre rischi. Lo ha capito il c.t. della Bosnia, Bazdarevic, che pure aveva fatto fuoco e fiamme per convocarlo, lo sa bene anche Garcia.

Fonte: La Gazzetta dello Sport-C.Zucchelli

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom