Rassegna Stampa

Roma e Lazio sempre in giro per il mondo. Il derby può attendere

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 28-03-2015 - Ore 09:26

|
Roma e Lazio sempre in giro per il mondo. Il derby può attendere

Il derby può aspettare. Mai come adesso. Non solo quello del 24 maggio ma anche l’altro che si sta correndo sul filo della classifica per il secondo posto. Roma e Lazio divise da un punto e unite dal progetto Champions. Ma in questi giorni i pensieri e le attenzioni delle due sponde del Tevere sono rivolte ai quei 22 giocatori che, col marchio della Lazio e della Roma, sono protagonisti con le proprie nazionali.

 

ESAME «È una partita per noi fondamentale, non possiamo permetterci di sbagliare. Ma d’altronde, io quest’anno ne ho giocate parecchie di partite importanti…». Sorride, Miralem Pjanic, perlomeno stando a quanto riportano i media bosniaci che raccontano di un viaggio molto sereno della Bosnia verso Andorra. Stasera alle 20.45 una sfida da dentro o fuori perché contro gli ultimi del girone (a 0 punti) i penultimi (a quota 2) non possono permettersi altro risultato che la vittoria. Israele, a sorpresa, guida il gruppo con 9 punti e alle 18 affronterà il Galles, secondo a 8, mentre sempre alle 20.45 il Belgio di Nainggolan, 5 punti, proverà a scalzare Cipro (6) dal terzo posto: «La nostra situazione è seria – ammette ancora Pjanic – ma sappiamo bene quello che dobbiamo fare».

 

 

RADJA PREZIOSO Lo sa bene anche il Belgio di Nainggolan, che a Bruxelles affronta Cipro con Radja probabile titolare con Witsel e Fellaini. Il c.t. Wilmots non lo ama, ma stasera dovrebbe affidarsi ai suoi muscoli e alla sua energia, spinto anche dalla stampa locale che, per una volta, lascia da parte i gossip e le voci e lo definisce «preziosissimo». In settimana non è stato benissimo, con febbre e dolori allo stomaco, ma adesso sembra pienamente recuperato.Così come sembra pienamente recuperato Torosidis, che all’inizio del ritiro con la Grecia aveva accusato un fastidio muscolare, sembra archiviato, tanto che insieme a Manolas dovrebbe partire titolare domani a Budapest contro l’Ungheria: ultima del proprio girone con 1 punto, anche la Grecia è costretta a fare risultato.

 

COME A ROMA Sempre domani toccherà a Ljajic sfidare il Portogallo a Lisbona mentreGervinho e Doumbia se la vedranno con la Guinea in amichevole. Due giorni fa hanno giocato contro l’Angola e nessuno dei due ha brillato: il primo ha giocato titolare, il secondo è entrato nella ripresa, la Costa d’Avorio ha vinto ma loro non hanno lasciato traccia. Cosa che succede, ultimamente, anche nella Roma. L’unica consolazione, almeno per Doumbia, è che ha messo ancora più minuti nelle gambe. E a Trigoria tutti sanno quanto ne avesse bisogno.

 

DOZZINA DOC La Lazio in giro per il mondo. Sono dodici i giocatori biancocelesti impegnati con le rispettive nazionali in questa sosta del campionato. Più di una formazione da mandare in campo. In aggiunta c’è pure la stella della Primavera di Inzaghi, Oikonomidis, convocato dall’Australia (per la sfida alla Germania). Un bel motivo di orgoglio, perché un numero così elevato di laziali in chiave internazionale riporta a tempi gloriosi, come quelli dell’era Cragnotti.Ma traspare pure qualche apprensione, legata alle date per i rientri alla base dei giocatori. Soprattutto perché la prossima sarà una settimana «corta» visto che la gara di Cagliari verrà giocata di sabato (turno di A anticipato di un giorno per la Pasqua).

 

CHE SABATO Una lista assortita di partite che oggi vedrà in scena i tre azzurri, Candreva, Parolo e Marchetti, contro la Bulgaria, ma anche anche De Vrij atteso con la sua Olanda all’esame della Turchia: nell’occasione il centrale verrà premiato per le 25 presenze con la maglia arancione, come Daley Blind del Manchester United che ieri ha elogiato il collega: «Stefan De Vrij è giovane ma ha tutte le doti per essere un leader». La giornata vedrà in scena anche Biglia con l’Argentina nell’amichevole contro El Salvador. Proprio i tempi del ritorno a Roma del play creano qualche preoccupazione verso Cagliari. Infatti, Biglia, giocherà martedì 31 l’altra amichevole, contro l’Ecuador. In campo nel New Jersey. Così è facile prevedere che non prima di giovedì il centrocampista potrà ripresentarsi a Formello. In pratica, a 48 ore dalla partita contro i sardi. Anche per Felipe Anderson, chiamato dall’Under 21 brasiliana, per i test con Paraguay e Messico, i tempi appaiono serrati. Considerato che la seconda gara, sempre in Brasile, sarà giocata domani. Ma poi Felipe avrà un lungo viaggio da smaltire. Tornerà a Roma martedì. In casa Lazio si confida che il suo momento di forma, esibito prima della sosta, non venga intaccato dalle fatiche di questi giorni. Perché poi c’è il derby con la Roma verso il secondo posto.

Fonte: gasport (C. Zucchelli)

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom