Rassegna Stampa

Roma Giovanissimi, obiettivo scudetto

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 24-06-2013 - Ore 09:30

|
Roma Giovanissimi, obiettivo scudetto

(Il Messaggero – B.Saccà) Giovanissimi nazionali della Roma sognano il titolo. E la sponda giallorossa della Capitale spera di non sprecare anche l’ultima occasione utile della stagione per festeggiare uno scudetto. La squadra di Federico Coppitelli ha steso il Torino (2-0) e l’Empoli (2-0) nelle prime partite del girone 1 della fase finale del campionato e si è già garantita così l’accesso alla semifinale di giovedì prossimo con un turno di anticipo. La gara di oggi contro il Milan – ore 18, Ponte a Tressa (Siena) – stabilirà dunque soltanto il nome del club che si qualificherà come capolista. La Roma, del resto, ha sei punti e ha accumulato un vantaggio di due lunghezze rispetto ai rossoneri: stasera dovrà quindi «semplicemente» evitare di perdere per saltare l’ostacolo da prima della classe. «Affrontiamo l’impegno con serenità perché siamo già sicuri», ha confidato Coppitelli, giovane tecnico giallorosso. Quanto agli avversari della semifinale, il quadro non è ancora chiaro. D’altronde il Padova comanda l’altro gruppo a quota sei, ma è tallonato dall’Inter e dalla Juventus. Oggi i nodi saranno sciolti con gli ultimi scontri anche di questo girone. 

GOL E ACROBAZIE –  La formazione di Coppitelli è una miniera. Ha letteralmente dominato la prima fase dell’annata, raccogliendo mille elogi. Le cifre brillano: durante la stagione «regolare» ha collezionato 24 vittorie, un pareggio e una sola sconfitta, firmando 91 reti e incassandone soltanto 11. Numeri record: una freccia giallorossa, si direbbe. Il merito della volata è dell’allenatore, classe 1984, ma la qualità della rosa ha certo fornito un contributo di valore. Un gruppo di ragazzi di 15 anni, nati soprattutto in provincia di Roma. La sfida di sabato con l’Empoli ha mostrato tutte le doti romaniste.

La squadra ha fallito un rigore in avvio con Bordin, ma ha saputo piegare i toscani sotto ogni profilo e ha archiviato l’impegno grazie ai centri di D’Alena e di Argomenti. Il primo gol, poi, è stato un prodigio: D’Alena si è coordinato e ha disegnato una mezza rovesciata volante, spedendo il pallone oltre il tuffo del portiere avversario Pellegrini. «Un’emozione indescrivibile. Ora le semifinali, possiamo giocarcela con chiunque sino alla fine», ha commentato il giovane centrocampista.  

QUALIFICAZIONE MERITATA –  Coppitelli ha comunque voluto evitare di accendere gli entusiasmi: basta poco per perdere la concentrazione. «È vero, abbiamo fatto una grande partita, ma è altrettanto vero che siamo stati agevolati dal fatto che loro erano rimasti in dieci. Abbiamo meritato ampiamente di passare il turno, ci attende la gara con il Milan e siamo sereni», ha spiegato l’allenatore. Giovanissimi sì, ma già grandi.

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom