Rassegna Stampa

Roma, il gelo sulla Champions

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 25-11-2014 - Ore 08:15

|
Roma, il gelo sulla Champions

 Nessun particolare è stato lasciato al caso, né l’abbigliamento tecnico né la dieta adatta per affrontare il grande freddo. Sono i dettagli a fare la differenza e la Roma sa che stasera a Mosca, all’Arena Khimki, la temperatura percepita prevista sarà di -12. Un aiuto per i russi che, con i 4 punti strappati al Manchester City nelle ultime due gare, hanno fatto un favore alla Roma ma soprattutto a se stessi, rientrando in corsa per la qualificazione agli ottavi di finale. Non c’è dubbio che il gelo moscovita preoccupi anche per un altro motivo: quattordici infortuni muscolari dall’inizio della stagione sono troppi per parlare soltanto di sfortuna. Giocare ampiamente sotto lo zero non è il miglior modo per farsi passare paure e/o dolori.

Un primo colpo è arrivato con la defezione di Maicon, che ha detto a Garcia di non sentirsi pronto neppure per una prova in loco. Una soluzione, vista l’assenza contemporanea di Torosidis, è Florenzi terzino. Potrebbe esserci, però, una sorpresa: un 4-3-3 con Nainggolan «basso» e Florenzi con Totti e Gervinho in attacco. La difesa che nel campionato scorso prese 3 gol nelle prime 12 partite (Biabiany ininfluente, Cerci dopo un fallo conclamato di Meggiorini su Benatia, Berardi al 94’) si è polverizzata.

De Sanctis non dà più la stessa sicurezza, anche se stasera dovrebbe evitare il turn over con Skorupski; di Maicon si è detto; Benatia, anche se ben sostituito da Manolas, è andato al Bayern; Castan e Balzaretti non hanno data di rientro. Stanno male Torosidis e Yanga-Mbiwa; Cole è in crisi nera; Cholevas deve ancora dimostrare di essere da Roma. C’è un altro particolare che renderà la partita ancora più difficile da preparare e decifrare: si giocherà a porte chiuse, perché il Cska Mosca deve scontare l’ultima giornata di squalifica per il comportamento violento dei suoi ultrà proprio allo stadio Olimpico. Per Garcia sarà una prima volta: «Come prepararsi? Veramente non lo so, non ho la risposta. Una partita a porte chiuse, per fortuna, non succede quasi mai. Una partita senza tifosi non è vero calcio. Però voi giornalisti, al contrario del solito, ascolterete tutti i discorsi che si fanno. Io non voglio una squadra muta, ma una che parla in campo. Vedrete che le informazioni in partita corrono tanto, almeno come i giocatori».

Serve una Roma che giochi meglio rispetto a quella vista contro l’Atalanta, ma con lo stesso carattere, per tenere testa a un Cska che non è più quello che ha perduto 5-1 all’andata. «L’avevo detto che i russi formano una buona squadra – chiude Garcia – Non mi sorprende che siano rientrati in corsa per la qualificazione».

Fonte: CORSERA (L. VALDISERRI)

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom