Rassegna Stampa

Roma, il giorno di Strootman: intervento riuscito

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 18-03-2014 - Ore 19:26

|
Roma, il giorno di Strootman: intervento riuscito

Lo staff dell'Hospital AMC di Amsterdam ha tranquillizzato alcuni tifosi giallorossi, giunti in Olanda per dare sostegno al giocatore. Il giudice sportivo non prende provvedimenti per i cori anti-Napoli, decisivi i fischi di dissenso

Ore di trepidazione, quelle vissute all'esterno dell'Hospital AMC di Amsterdam da alcuni supporters della Roma, in rappresentanza dell'intero tifo giallorosso. "Operazione perfettamente riuscita - si legge dal comunicato dell'As Roma - Ricostruito il legamento crociato anteriore e trattate le lesioni al menisco interno ed esterno". Kevin Strootman, dunque, può far tirare un sospiro di sollievo a Rudi Garcia: non è un caso che, con la concomitante assenza dell'olandese e quella di De Rossi, la squadra ne abbia risentito nella vittoria casalinga contro l'Udinese. Starà al tecnico francese trovare gli equilibri giusti per mantenere il secondo posto: "Lo aspettiamo per la Champions". 3 punti guadagnati per l'Europa, dunque, ma che fatica.

OPERAZIONE RIUSCITA - Alcuni tifosi del Roma Club Amsterdam hanno mostrato il proprio supporto al centrocampista della Roma, in rappresentanza della tifoseria giallorossa che ha aspettato, sin dalle prime ore di questa mattina, notizie sull'esito dell'intervento. Kevin Strootman ha fatto il suo ingresso nella sala operatoria dell'Hospital AMC di Amsterdam alle ore 10: l'intervento, eseguito dal dottor Heijboer, ortopedico dell'Università di Rotterdam, e dai proff. Van Dijk e Kerkhoff, "è durato circa 2 ore ed è perfettamente riuscito". "E' stato ricostruito - si legge all'interno del bollettino medico pubblicato dalla società giallorossa - il legamento crociato anteriore e sono state trattate le lesioni al menisco interno ed esterno. Il calciatore inizierà le terapie riabilitative nei prossimi giorni ad Amsterdam". Come aveva detto Rudi Garcia nella conferenza stampa prima della gara contro l'Udinese, "mercoledì sarà l'inizio del suo lavoro per rientrare". Parte il countdown, quindi, per rivedere in campo uno tra i maggiori artefici del secondo posto conquistato, finora, dalla Roma: senza la propria 'lavatrice' la squadra ha dimostrato quanto sia complicato eseguire il giusto filtro per la difesa che ieri, anomalia stagionale, ha subito 2 reti: stesso numero di gol subiti all'Olimpico, in campionato, nelle 27 giornate fin qui disputate.

SENZA STROOTMAN, SENZA DE ROSSI - In quell'esultanza di Francesco Totti, che ha dedicato il gol al compagno olandese, c'è tutta la valenza che Strootman ha acquisito in questi primi mesi nella capitale. Per l'equilibrio fornito ai meccanismi tattici della squadra e per l'apporto di carisma trasmesso ai compagni. 
"Abbiamo sofferto come mai in casa", ha sottolineato il tecnico Rudi Garcia al termine della vittoria contro i friulani: l'assenza di De Rossi e quella dell'olandese, hanno esposto la difesa agli straordinari. Basti pensare che i due centrocampisti hanno collezionato, insieme, 122 tackle-riusciti da inizio stagione. Numeri che rendono l'idea di come Rudi Garcia dovrà impegnarsi nel trovare le giuste contromisure: Taddei, Pjanic e Nainggolan hanno contribuito a far sì che la Roma ritrovasse con facilità la via del gol. Dal 16 febbraio (Roma-Sampdoria 3-0), infatti, i giallorossi non realizzavano 3 reti davanti ai propri tifosi. Ma le 2 reti incassate all'Olimpico (come non accadeva dal 1febbraio 2013 quando la squadra di Zeman uscì sconfitta per 2-4 contro il Cagliari) hanno acceso i riflettori su quello che potrà essere un tema su cui lavorare in vista dello sprint finale verso il secondo posto: "E' una squadra con molti assenti. Dobbiamo imparare a giocare senza Kevin".

GIUDICE SPORTIVO - Buone notizie arrivano anche dal Giudice Sportivo Gianpaolo Tosel. La paura che i ripetuti cori anti-Napoli, partiti da una minoranza delle due curve e prontamente ricoperti dai fischi dei restanti tifosi presenti all'Olimpico, non ha coinciso, stavolta, con una nuova chiusura dei settori. Proprio quei fischi, infatti, hanno fatto sì che non si potesse verificare l'effettiva dimensione e percettibilità reale dei cori, limitando di fatto la sanzione: "Ammenda di 15.000€ alla società Roma per avere i suoi sostenitori indirizzato un fascio di luce-laser sul terreno di gioco - si legge dal comunicato della Lega - e per aver lanciato nel recinto di gioco cinque fumogeni". Pericolo scampato

LEGGI NEWS ORIGINALE

Fonte: repubblica.it - MATTEO MONTI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom