Rassegna Stampa

Roma, il risveglio del Faraone regala la prima vittoria a Spalletti

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 31-01-2016 - Ore 08:28

|
Roma, il risveglio del Faraone regala la prima vittoria a Spalletti

IL CORRIERE DELLA SERA - VALDISERRI - La nuova Roma di Spalletti non cade nella seconda trappola. Dopo il pareggio contro il Verona, la sfida casalinga contro il Frosinone aveva solo un risultato: la vittoria. E vittoria è arrivata, con qualche errore dei soliti ma anche con qualche passo avanti che fa sperare. 
È sicuramente un buon segno che il gol del 2-1 sia arrivato su cross di Zukanovic e prezioso colpo di tacco di El Shaarawy, cioè i due esordienti mandati in campo contemporaneamente per l’emergenza assoluta degli esterni giallorossi (fuori Florenzi, Digne, Torosidis, Iago Falque e Maicon in panchina perché con autonomia limitata). L’ex rossonero non segnava in serie A dal 24 maggio 2015 (Milan-Torino 3-0, doppietta) e ha giocato 90’ mostrando una resistenza atletica sorprendente. Ha dovuto prendersi delle pause, ma ha giocato una gara promettente. Il bosniaco ha salvato un gol già fatto sullo 0-0, sbagliato sul pareggio del Frosinone ma chiuso la gara in attivo con l’assist per il Faraone. Anche la prova di Zukanovic è stata positiva. 
Spalletti ha cambiato moltissimo durante la gara, mescolando la difesa a 3 e quella a 4. In certi frangenti la squadra è ancora confusa e, soprattutto, non sa difendere a dovere i vantaggi, ma il lavoro potrà migliorare la fase difensiva. Intanto c’è stato il rientro di Totti, che ha servito un bell’assist a Pjanic per il 3-1 che ha chiuso definitivamente la gara. Il capitano ha sicuramente dato un po’ di sicurezza alla squadra. Ha un’autonomia limitata, ma la classe non ha età. Purtroppo non c’è stato nessun segno di rinascita da Salah e Dzeko continua a cercare il gol senza trovarlo. Il bosniaco è stato sostituito dopo un’ora proprio da Totti e non aveva l’aria felice. Già martedì, però, ci sarà la gara contro il Sassuolo (squalificato Manolas) e serviranno tutti i giocatori in salute. 
L’altro segnale importante è la posizione più avanzata di Pjanic nella ripresa. Ha preso in mano il gioco è segnato anche il suo decimo gol stagionale (8 in campionato e 2 in Champions). Per un centrocampista sono «tanta roba», per dirla alla Spalletti, anche se a Roma c’è sempre chi critica il Piccolo Principe. 
Il Frosinone è stato bravo a risalire dopo il gol di Nainggolan, che ha tirato da terra con Salah in sicura posizione di offside, ma probabilmente da considerare passiva. Ciofani ha pareggiato e i ciociari hanno chiuso il primo tempo in pareggio. Non si aspettavano certo il colpo di prestigio di El Shaarawy. 
Oggi la Roma potrà godersi una giornata di riposo, guardando magari cosa faranno Inter e Fiorentina. Il terzo posto è il vero obiettivo e poi, a fine stagione, si tireranno le somme per tutti. Compresi i dirigenti. Nel frattempo Spalletti si sta prendendo i suoi spazi giorno dopo giorno. Le prossime gare diranno tanto. Forse tutto. 

Fonte: IL CORRIERE DELLA SERA - VALDISERRI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom