Rassegna Stampa

Roma-Juve, il piano sicurezza mille agenti e daspo d’urgenza

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 29-08-2015 - Ore 08:19

|
Roma-Juve, il piano sicurezza mille agenti e daspo d’urgenza

IL MESSAGGERO - LIPPERA - Oltre mille agenti verranno dislocati attorno allo Stadio Olimpico per garantire la sicurezza di Roma-Juventus (domani alle 18) e un gruppo di specialisti potrà emettere Daspo immediati contro i tifosi che dovessero causare problemi. Dopo l’ordinanza del questore Nicolò D’Angelo per la pianificazione dei servizi, ieri un tavolo tecnico in via di San Vitale ha definito nel dettaglio le misure per l’attesissimo scontro tra i giallorossi di Garcia e i bianconeri di Allegri. Ci saranno almeno 60 mila spettatori e le forze dell’ordine hanno predisposto una sorta di vademecum. Non si sente nell’aria il clima teso di altre volte - siamo soltanto alla seconda giornata di Serie A - eppure le forze dell’ordine hanno dato ai sostenitori delle squadre un suggerimento che fa capire quanto i timori siano sempre attuali: «Evitare di spostarsi in forma isolata con simboli (sciarpe e bandiere) della propria squadra».
IL SILENZIO La partita, la prima in casa della Roma, vedrà lo “sciopero” della Curva Sud contro la decisione di segmentarla per ragioni di sicurezza in più settori, facendo perdere il posto a moltissimi abbonati. La scelta è stata vissuta come un affronto dalla tifoseria, che nella Curva Sud vede una “casa”, un simbolo della fede alla squadra, un segno di appartenenza. Quindi i giallorossi non tiferanno e non intoneranno cori: niente bandiere e niente striscioni. Almeno questo è il programma della vigilia, nonostante l’appello del mister Garcia: «Abbiamo bisogno di voi». «Hanno deciso di uccidere ogni colore, ogni forma di gioia e di passione - si legge in un comunicato dei sostenitori molto critico contro il prefetto di Roma e contro il presidente della società James Pallotta - Hanno deciso, con una strategia comune, di uccidere la Curva Sud. A Roma-Juve ci saremo ma in silenzio. Non possiamo essere trattati come bestie. Ci accomuna la cosa più bella del mondo, essere romanisti, essere in Curva Sud».
I CONTROLLI Già da ieri la polizia sta controllando lo Stadio Olimpico. Anche all’interno. Si teme, come sempre, che qualcuno possa nascondere bastoni o altri oggetti utilizzabili nel caso di un confronto. Ma i bianconeri, pur essendo la tifoseria più numerosa d’Italia, non dovrebbero essere più di 1.500. Le due curve dell’Olimpico saranno tutte occupate da sostenitori giallorossi. Attorno allo stadio il solito meccanismo di prefiltraggio per indirizzare gli spettatori controllando in anticipo che abbiano il biglietto.

Fonte: IL MESSAGGERO - LIPPERA

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom