Rassegna Stampa

Roma-Juve, maximulte agli ultrà della Curva Sud per il cambio di posto

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 10-09-2015 - Ore 06:46

|
Roma-Juve, maximulte agli ultrà della Curva Sud per il cambio di posto

IL MESSAGGERO - DE CICCO - Avere cambiato posto in Curva Sud durante Roma-Juve è costato caro a 42 ultrà giallorossi. “Pizzicati” dalle telecamere dell’Olimpico durante il match del 30 agosto scorso, si sono visti recapitare a casa una multa di 167 euro per avere violato il nuovo “Regolamento d'uso dello stadio”, che da questa stagione prevede norme molto più stringenti sugli spalti. La Questura di Roma contesta ai tifosi la violazione del capo E del regolamento, quello che prevede per lo spettatore «il diritto/dovere di occupare il posto assegnato e, pertanto con l'acquisto del titolo di accesso, si impegna a non occupare posti differenti, seppur non utilizzati da altri soggetti, salvo non espressamente autorizzato dalla società che organizza l'evento su autorizzazione delle competenti autorità».
L’IDENTIFICAZIONE Gli ultrà sono stati identificati tramite il nuovo impianto di videocamere dello stadio, che ha incrociato le postazioni assegnate ai tifosi dal biglietto o dall’abbonamento con quelle effettivamente occupate durante il match. La sanzione prevista oscilla tra i 100 e i 500 euro, con la misura ridotta (per chi paga entro 60 giorni) fissata a quota 167 euro. Dopo avere saldato la multa, i tifosi dovranno presentarsi negli uffici della Questura o nei commissariati di zona con la ricevuta «per l’attestazione dell’avvenuto pagamento», si legge nei verbali.
LINEA DURA Le sanzioni comminate agli ultrà fanno capire che la Questura ha scelto la linea dura, dopo l’introduzione delle nuove norme per la sicurezza sugli spalti, progettate dal questore Nicolò D’Angelo e approvate dal prefetto Franco Gabrielli.
Il nuovo regolamento, che taglia in due le Curve (con una sforbiciata di circa mille posti tra Nord e Sud) e che ha previsto l’innalzamento delle barriere che dividono il settore degli ultrà con quello dei Distinti, per evitare scavalcamenti pericolosi, ha subito incontrato la levata di scudi della frangia più estrema della tifoseria giallorossa. Proprio durante Roma-Juve, la curva romanista ha deciso di presentarsi sugli spalti voltando le spalle al campo per protestare contro il piano di Questura e Prefettura, che vieta anche di arrampicarsi sulle transenne per lanciare i cori e di appendere qualsiasi tipo di vessillo alle balaustre.
I DASPO La Questura però non arretra di un millimetro dalla linea della legalità. Il primo segnale era stato l’invio di 70 Daspo che hanno decimato il gruppo trainante della Sud. Ora, a distanza di una settimana dalla partita, sono partite le multe a 42 ultrà. Per ribadire che non si abbassa la guardia contro chi non rispetta le regole.

Fonte: IL MESSAGGERO - DE CICCO

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom