Rassegna Stampa

Roma, l’ottava meraviglia ti aspetta

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 05-12-2014 - Ore 08:06

|
Roma, l’ottava meraviglia ti aspetta

Proprio ieri, ai microfoni di Roma Radio, Leandro Cufré ha detto che il ricordo più bello della sua permanenza a Roma è stato «il record delle 11 vittorie di fila con Spalletti». Non c’era mai riuscito nessuno, prima, e quella striscia nella stagione 20052006 ebbe un sapore speciale perché alla decima vittoria ci fu l’infortunio di Totti. Inevitabile, quindi la dedica per lui la partita successiva, quel derby firmato Taddei e Aquilani, che lui seguì con le stampelle a bordo campo.

PER CASTAN E PER IL CITY Anche stavolta, se la Roma dovesse battere il Sassuolo, la dedica è già pronta, anche se Castan non sarà allo stadio ma in clinica. Poco importa, per una squadra che vuole vincere per se stessa, per il brasiliano e anche perché, dopo settimane complicate tra il doppio k.o. col Bayern, gli infortuni e il pari col Cska, vincere vorrebbe dire arrivare allo scontro diretto col City col morale alle stelle. E anche con gli stessi punti, 34, di un anno fa. Non sarebbe poco, anzi, tantissimo, visto che quest’anno la Roma ha già giocato 5 gare in più di Champions ed è andata su campi difficili come Torino (Juve), Genova (Samp) e Napoli.

COME CAPELLO Non solo: centrare l’ottavo successo di fila all’Olimpico significherebbe, per Garcia, mettersi al pari di Ranieri (20102011), e Capello (1999 2000). In tutti e due i casi, e lo scaramantico Garcia magari lo noterà, lo scudetto non è arrivato. Non è arrivato neanche nel 20092010, nel 20062007, nel 19291930 e nel 19301931, quando le vittorie casalinghe di fila furono 9. Il tricolore, invece, è arrivato nel 19821983, quando la squadra allenata da Liedholm arrivò a 10. Tra la seconda e la ventiduesima giornata la formazione che a fine stagione avrebbe vinto lo scudetto riuscì a battere sul proprio campo: Verona, Ascoli, Cesena, Pisa, Fiorentina, Inter, Genoa, Cagliari, Sampdoria e Napoli. A frenare la corsa, neanche a dirlo, la rivale storica, soprattutto di quegli anni, e cioè la Juve, che si impose 21 all’Olimpico coi gol di Platini e Brio, che ribaltarono la rete di Falcao. Quello del Barone non è però il record di gare consecutive vinte dalla Roma nel suo stadio. Davanti a Liedholm c’è infatti Spalletti, che nel 20072008 colse 12 successi di fila in casa. VUCINIC E

DIAMANTI La Roma iniziò vincendo il derby 32 il 31 ottobre 2007 con gol di Vucinic, Mancini e Perrotta e poi sconfisse Udinese, Cagliari, Sampdoria, Catania, Palermo, Reggina, Fiorentina, Parma, Milan, Empoli e Genoa, battuto, come la Lazio, sempre 32. Ad interrompere la striscia fu il Livorno, che fermò i giallorossi con Diamanti. A portare in vantaggio la Roma fu Vucinic e la giornata fu stregata anche per l’infortunio al crociato di Totti. Dei tre protagonisti di quella partita, il capitano, a 38 anni, è ancora l’unico che gioca ad alti livelli visto che Diamanti e Vucinic, entrambi 7 anni in meno di Totti, sono già emigrati in Cina e negli Emirati Arabi. Singolare. O forse no, conoscendo come vede il calcio, e la vita, il capitano della Roma.

Fonte: Gazzetta dello Sport - ZUCCHELLI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom