Rassegna Stampa

Roma, la sconfitta che fa più male Garcia: "Premiati i meno bravi"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 10-03-2014 - Ore 07:52

|
Roma, la sconfitta che fa più male Garcia:

È la sconfitta che fa più male, per come è arrivata. La terza stagionale, la seconda contro il Napoli dopo a semifinale di ritorno di Coppa Italia, quella che chiude definitivamente il discorso scudetto a meno 14 dalla Juventus e riapre quello per il secondo posto, con il Napoli ora a 3 punti, seppure con una gara in meno da giocare e lo scontro diretto che sorride ai giallorossi. «Per lo scudetto – il commento di Garcia a fine gara – il discorso non è matematicamente chiuso, ma praticamente sì perché c’è un distacco importante. Cerchiamo di pensare positivo».

La Roma ha perso dominando per lunghi tratti la partita, ma senza riuscire a fare gol. Il tecnico francese difende la sua scelta di giocare senza centravanti. «Destro è tornato dalla nazionale con un piccolo infortunio e non si è allenato per due giorni. Io non volevo lasciare spazio ai terzini avversari e in questo senso abbiamo fatto un lavoro fantastico. Avevamo deciso di aspettare il Napoli e di giocare in contropiede. Con Gervinho, Bastos e Florenzi avevamo tanta velocità e con un po’ di fortuna potevamo fare gol non solo creare occasioni. Ci è mancato il gol, può darsi che abbiamo perso un po’ di cattiveria ma abbiamo giocato con maturità e personalità, e il risultato non è meritato. Il calcio è così, non è sempre la squadra più forte quella che vince. Lo abbiamo visto».

Nelle ultime partite, però, la Roma ha segnato solo un gol. «Non sono preoccupato, per segnare c’è bisogno di un po’ di fortuna. Le nostre occasioni sono passate vicinissime alla porta, la loro ha preso il palo ed è entrata. Reina ha fatto una parata da grande portiere, sicuramente possiamo avere maggiore efficacia davanti alla porta. Era un po’ di tempo che non giocavamo così bene, farlo in casa del Napoli non è cosa da poco. Se giochiamo così vinceremo tante partite fino alla fine, ma il problema non è di aver perso perché può succedere anche dopo una bella prestazione ». Preoccupano le condizioni di Kevin Strootman. L’olandese ieri sera è uscito dal campo in barella per una distorsione al ginocchio sinistro – con la nazionale si era fatto male al destro – e oggi si sottoporrà agli esami strumentali che ne stabiliranno la gravità. «Ha molto male, il ginocchio si è gonfiato e per il momento non conosciamo la gravità dell’infortunio. Speriamo che non sia una cosa lunga. Totti? si allenerà con noi per tutta la settimana, ci sarà contro l’Udinese».

Fonte: Corriere della Sera - PIACENTINI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom