Rassegna Stampa

Roma, mercato e infortuni: le spine di Garcia

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 06-11-2014 - Ore 19:50

|
Roma, mercato e infortuni: le spine di Garcia

Curiosamente, la quarta sconfitta in un mese esatto trasferisce due fotografie della Roma diametralmente opposte una all’altra. Da una parte, mostra l’evidente gap con le grandissime d’Europa, un gap incolmabile al momento, che l’ha costretta a partire sostanzialmente battuta e a dover mettere da parte la propria identità per evitare una nuova imbarcata dopo il 7-1. Ma nonostante la manifesta inferiorità – espressa anche verbalmente da Daniele De Rossi – la squadra di Garcia ha paradossalmente oggi più chance di qualificarsi rispetto a un mese fa, dopo il pari con il City. “Siamo padroni del nostro destino”, la sintesi, mai tanto efficace, con cui Garcia ha salutato il turno di Champions. Se battesse il Cska a Mosca e il City non vincesse contro il Bayern, sarebbe agli ottavi con un turno d’anticipo. 

TANTI SOLDI PER I BABY, MA LA FASCIA NON E’ DA CHAMPIONS - Eppure qualcosa è successo alla Roma da inizio stagione. La squadra non segna più:soltanto 3 gol nelle ultime 5 partite, a fronte di 11 subiti. Sotto accusa tanti nuovi: Sabatini ha compiuto un autentico miracolo rinforzando la squadra e i conti (57 milioni di plusvalenze) con cessioni eccellenti e acquisti intelligenti. Lo scorso anno Strootman, Gervinho, Benatia, Maicon e De Sanctis avevano colmato il gap con le grandi italiane. Ma per ridurre quello con l’Europa non è bastato investire su Iturbe e Manolas: e la politica dei colpi a parametri zero (o low cost) per risolvere l’antico problema della fascia sinistra – Holebas, Cole e Emanuelson – ha portato interpreti poco presentabili a quei livelli. Di contro, i giovanissimi acquistati in estate per cifre importantissime (5 milioni per Sanabria che potrebbero diventare 12 con i bonus, il prestito di Uçan ne è costati 4,75 e per riscattarlo ne servono altri 11), non hanno mai trovato spazio, spesso nemmeno in panchina. Cifre che, se investite su un terzino, avrebbero potuto dare un padrone alla disastrosa fascia sinistra della Roma. A gennaio Sabatini proverà a rimediare, trattando ancora Adriano del Barcellona, che Garcia e Keita hanno già chiamato al telefono.

UNA SQUADRA DI INFORTUNATI: EMERGENZA COL TORO - Ma forse i rimpianti non si fermano al mercato. Perché quanto sta accadendo nell’infermeria romanista ha tratti di grottesco. Assenze infinite, colpi di sfortuna estrema, continui guai, calciatori che escono e non riescono a rientrare. La notte di Monaco rischia di portare via altre pedine a Garcia ion vista del match di domenica col Torino: Florenzi è uscito nella ripresa per una distorsione alla caviglia rimediata già nel primo tempo (non si poteva risparmiarlo?). Anche Keita ha finito la gara dolorante per un affaticamento al retto femorale. E Holebas ha preso una botta al petto. Con gli infortuni riportati in questa stagione si può già comporre una squadra di 11 giocatori: De Sanctis, Maicon (a proposito, il suo rientro pare ancora lontano), Astori, Castan, Holebas, Keita, De Rossi, Strootman (o Uçan), Florenzi, Borriello e Iturbe. Che la si voglia imputare alla sorte, alla mancata preparazione per la tournée Usa, al nuovo preparatore o ai soliti medici, è lo stesso: a Trigoria, forse, è tempo di farsi qualche domanda.

FLORENZI NESSUNA FRATTURA - Nè fratture ossee nè lesioni ai legamenti, solo un forte trauma contusivo alla caviglia destra. Alessandro Florenzi tira un sospiro di sollievo dopo l’infortunio accusato ieri sera col Bayern Monaco all’Allianz Arena. Gli esami strumentali a cui l’esterno della Roma si è sottoposto in mattina hanno infatti escluso problemi più gravi che lo avrebbero costretto a un lungo stop. Il giocatore, che ha già cominciato le terapie del caso, tornerà a disposizione di Rudi Garcia dopo la sosta e salterà la gara di domenica sera col Torino. Per il greco Holebas da registrare poi un forte trauma contusivo all’emitorace sinistro. La squadra intanto questa mattina è tornata ad allenarsi a Trigoria. I titolari scesi in campo col Bayern hanno svolto lavoro di scarico in palestra. Tra questi anche Nainggolan che su Twitter ha avuto l’ennesimo botta e risposta con alcuni tifosi avversari. Stavolta ad innescare il belga (che per un pò si è astenuto dal replicare) è stata l’accusa di ‘simulatore’ arrivata da alcuni sostenitori juventini che, per l’occasione, hanno ricordato al giocatore anche le 3 ‘pere’ subite dai giallorossi a Torino. “Io ricordo 3 pere marce” la risposta di Nainggolan

Fonte: Repubblica.it/M.Pinci

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom