Rassegna Stampa

Roma-Napoli, decide Garcia

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 29-09-2013 - Ore 12:00

|
Roma-Napoli, decide Garcia

Non ho nulla in contrario sull’inversione di campo».  Aurelio De Laurentiis, presidente del Napoli, affida ai microfoni di Radio Kiss Kiss il suo messaggio. Roma-Napoli del 19 ottobre è un giallo che comincerà ad avere delle risposte già nella prossima settimana. Venerdì De Laurentiis ha lungamente parlato con Claudio Fenucci che ha prospettato al tecnico Rudi Garcia le varie soluzioni: il tecnico romanista le valuterà nei prossimi giorni ma ha già fatto capire cosa pensa (non ci si può fermare per tanti giorni, la partita va giocata nel fine settimana e all’Olimpico). Tutto è nelle mani del prefetto di Roma, Giuseppe Pecoraro. La Lega gli ha consegnato un messaggio inequivocabile: questo non è il derby dello scorso maggio, non è un problema calcistico ma una questione esterna al mondo del pallone (la manifestazione No Tav). (...)

REGOLARITA’ - Qualche speranza che si possa ancora giocare nella data stabilita c’è ancora visto che il corteo preannunciato non è stato ancora confermato ma si tratta di una ipotesi piuttosto remota. Se ci fosse stata la possibilità di giocare venerdì 18, la Lega avrebbe potuto disporre autonomamente la variazione di data. Ma la gara non può essere anticipata di ventiquattro ore (i problemi di ordine pubblico cominciano, a parere della Prefettura, già venerdì). L’intervento ha, dunque, caratteri di eccezionalità perché si tratta di disporre un rinvio (18 dicembre) o l’inversione di campo. Insomma, un intervento piuttosto pesante sul calendario che nel primo caso verrebbe oggettivamente stravolto. Lo sottolinea De Laurentiis:  «Credo sia più logico giocare a Napoli piuttosto che rimandare la partita. Solo così non si falserebbe il campionato». Una valutazione in linea di massima condivisa anche dalla Roma che verrebbe costretta a giocare, in questo girone d’andata tre partite fuori casa consecutive che recupererebbe, però, al ritorno (ma in quel caso vi sarebbe il problema della contemporaneità dell’impegno interno della Lazio, un problema, comunque, risolvibile facendo giocare una squadra di sabato e l’altra di lunedì).(...)
 
IMPEGNI - Roma e Napoli, insomma, avrebbero concordato sul fatto che bisogna giocare nella data fissata. Garcia teme che una interruzione troppo lunga possa avere contraccolpi negativi sulla condizione; Benitez, a sua volta, dovendo far fronte alla Champions, ha un calendario piuttosto fitto («a gennaio c’è la Coppa Italia ed entrambe le squadre saranno impegnate» , afferma De Laurentiis). Per giunta il 18 dicembre Roma e Napoli sarebbero costrette ad affrontarsi dopo essere state impegnate pochi giorni prima a Milano (col Milan) e al San Paolo con l’Inter. L’inversione di campo appare il male minore (ma in proposito dovrà proununciarsi il tecnico giallorosso). De Laurentiis tende a stemperare il beneficio derivante dal fatto di giocare in casa una partita così delicata:  «Il San Paolo ci ha “tradito” l’ultima volta nonostante sessantamila spettatori, giocare in casa non è sinonimo di vittoria»

 

 

Fonte: Corsport

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom