Rassegna Stampa

Roma-Napoli, è un affare Mondiale

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 14-10-2013 - Ore 08:30

|
Roma-Napoli, è un affare Mondiale

Un affare Mondiale, al di là dell’importanza della gara in sé. È Roma-Napoli, la sfida al vertice tra Garcia e Benitez, quella che può regalare il ruolo di anti Juventus. Una partita che, dopo mille polemiche, deve fare i conti con i ritorni all’ultimo istate dei vari nazionali. «È il male minore», ha detto nei giorni scorsi Garcia. Anche perché il francese riavrà a disposizione un po’ tutti. «Per me la Roma è una società che non ha ancora vinto abbastanza», ha aggiunto il tecnico alla televisione sportiva francese BeIn Sport.

A TRIGORIA - Oggi pomeriggio la Roma torna a lavorare, dopo due giorni e mezzo di stop. Con il gruppo, Garcia riavrà Gervinho («Le critiche ricevute a Londra? Lui risponde ogni giorno sul campo», dice il tecnico) e Benatia («Lui e Castan sono complementari, una bella cerniera. E la cosa mi piace molto»). Il tecnico avrebbe sperato di riavere ancheStrootman («Abbiamo dovuto convincerlo a venire, voleva essere sicuro della scelta»), impegnato martedì nell’inutile trasferta dell’Olanda (già qualificata per il Mondiale) a Istanbul, ma Van Gaal ha detto di no. LaRoma, però, si aspetta che Kevin non giochi nella bolgia di Istanbul, una partita che può essere decisiva per le sorti della Turchia.

SFIDA A DISTANZA - Chi invece è a rischio fino alla fine sono Pjanic eTorosidis, che si giocano a distanza il Mondiale. Bosnia e Grecia sono a pari punti, ma se Pjanic domani vince in Lituania è primo in virtù dello scontro diretto. La Grecia, invece, ad Atene deve superare ilLiechtenstein e guardare alla Lituania. A Napoli, invece, nell’Italia dovrebbe giocare Florenzi, mentre l’utilizzo di Balzaretti con l’Armenianon è un problema (essendo squalificato con il Napoli).

A CASTELVOLTURNO - Oggi pomeriggio, per la ripresa, li avrebbe rivoluti tutti anche Rafa Benitez, che invece dovrà aspettare giovedì, quando rientreranno i sudamericani, per avere l’organico al completo. Insomma, appena 24 ore per valutare le condizioni dei reduci e decidere la formazione da opporre venerdì alla Roma. Una notte da non sbagliare, perché i giallorossi possono allungare ancora. Basta questo per immaginare le ansie del tecnico che non ha la certezza di poter recuperare Higuain: l’argentino non ha potuto rispondere alla convocazione della nazionale per il malanno muscolare che gli ha impedito di giocare con Genoa, Arsenal e Livorno. Le percentuali di un suo impiego all’Olimpico, comunque, crescono col passare dei giorni.

NIENTE SVIZZERI - Nemmeno la vittoria in Albania ha convinto il c.t. della Svizzera, Hitzfeld, a dare l’assenso per il rientro anticipato di Inler,Dzemaili e Behrami. I tre centrocampisti saranno a disposizione per l’incontro di domani, con la Slovenia, che non ha alcun significato particolare avendo la Svizzera già conquistato il Mondiale. È probabile che ciascuno disputi solo un tempo. Sono due, invece, i sudamericani impegnati con le nazionali: Armero (Colombia) e Fernandez(Argentina). Il primo giocherà in Paraguay, il difensore contro l’Uruguay. Il loro rientro è previsto per la mattinata di giovedì, vigilia della sfida con laRoma. Nessuno dei due dovrebbe essere titolare, comunque, perché Zuniga ha recuperato dall’infortunio muscolare e al centro della difesaBenitez potrebbe schierare Cannavaro in coppia con Britos, se Albiolnon dovesse farcela. Al momento, lo spagnolo è quello che ha minori possibilità di recupero

Fonte: GAZZETTA DELLA SPORT - MALFITANO/PUGLIESE

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom