Rassegna Stampa

ROMA, Pallotta allo stadio per la sfida alla Juventus. Garcia vuole il riscatto

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 07-05-2014 - Ore 18:54

|
ROMA, Pallotta allo stadio per la sfida alla Juventus. Garcia vuole il riscatto

Si avvicina la sfida dell’Olimpico tra le due protagoniste del campionato 2013/2014: con lo scudetto già cucito sulle maglie della Juventus, la squadra di Rudi Garcia è chiamata all’ultimo sforzo per dimostrare di essere all’altezza degli antagonisti bianconeri. Per farlo, sarà chiamata al massimo impegno davanti al presidente James Pallotta. Il numero uno giallorosso assisterà all’incontro dallo stadio, per poi rispettare il planning di un’agenda affolatissima: la presentazione del progetto cantierabile del nuovo stadio e il rinnovo di Pjanic. Allerta, invece, per quanto riguarda l’ordine pubblico: in previsione del massiccio afflusso di tifosi, il Codacons ha richiesto l’anticipo di Roma-Juventus al pomeriggio.

ROMA-JUVENTUS: GUARDA PALLOTTA - Vincendo il terzo scudetto consecutivo la Juventus ha archiviato il discorso campionato, svuotando la gara di domenica con la Roma dei significati che a Trigoria si auguravano di salvaguardare per tentare l’impresa nel finale di stagione. Rudi Garcia, però, ha dimostrato di voler reagire allo scivolone di Catania, domandando il massimo impegno ai suoi calciatori: lunedì, all’indomani della trasferta in Sicilia, la squadra si è ritrovata a Trigoria per fare il punto sulla sconfitta per 4-1 rimediata al Massimino, e per cominciare, sin da subito, la preparazione al match contro gli uomini di Conte. La sfida rappresenterà comunque l’occasione per confrontare i valori dei due team: l’intenzione in casa Roma è quella di dimostrare che il gap con i bianconeri è destinato ad essere colmato nel più breve tempo possibile. Esame che, peraltro, avverrà sotto la supervisione di James Pallotta.

Il presidente è atteso, infatti, all’Olimpico per assistere all’ultimo incontro casalingo della sua squadra. Giornate, quelle che si appresta a vivere il numero uno giallorosso nella capitale, che affolleranno la sua agenda sin dallo sbarco a Roma, previsto per venerdì. La priorità è la presentazione del progetto cantierabile del nuovo stadio. L’incontro al Comune, previsto per lunedì 12 (ma che potrebbe slittare di un giorno), seguirà altri appuntamenti, legati al mercato. Pjanic, su tutti: la delicata situazione contrattuale del calciatore bosniaco (scadenza 30 giugno 2015), è destinata a sbloccarsi solo con l’intervento diretto dello stesso Pallotta, che troverà in Tribuna Monte Mario, l’agente del centrocampista, Michael Becker. Un incontro preliminare che potrebbe aprire ad una discussione più approfondita, decisiva, tra i protagonisti della trattativa.

Un’altra trattativa tiene impegnato, invece, il ds Walter Sabatini: l’interesse dei giallorossi per l’attaccante del Verona Manuel Iturbe non è un mistero e tra venerdì e l’inizio della prossima settimana è in programma un incontro con l’entourage del calciatore argentino, su cui in pressing è anche il Napoli. Il calciatore verrà riscattato dai gialloblu al termine dell’attuale stagione, per un corrispettivo di 15 milioni da girare al Porto, società che ne detiene il cartellino. Sabatini sta cercando di accelerare i tempi per battere la concorrenza dei partenopei e del Real Madrid, altro club intenzionato a puntare sul talento classe ’93.

Nel frattempo, con la dirigenza sempre proiettata al futuro, in attesa di sviluppi nel processo di ricerca di un main sponsor per la stagione entrante, la società giallorossa ha siglato un accordo di sponsorizzazione con Sky Italia, che apporrà il proprio marchio sulla casacca dei capitolini, “per celebrare il ritorno in Champions League della Roma, oltre a rafforzare il rapporto privilegiato con il calcio italiano”.

SI STUDIA LA GESTIONE DELL’ORDINE PUBBLICO - Roma-Juventus non sarà più la ‘sfida scudetto’ che i tifosi romanisti attendevano per dar lustro ulteriore alla fantastica stagione dei propri beniamini. Ma il terzo campionato consecutivo conquistato dalla squadra di Antonio Conte, non sembra, però, aver compromesso la possibilità di assistere ad un vero e proprio big-match dal punto di vista del contesto: sono attesi, infatti, 50.000 supporter giallorossi a riempire lo stadio Olimpico. Dopo aver confermato 18 mila rinnovi degli abbonamenti per il prossimo campionato, è ieri terminata la prima fase di vendita libera per le tessere di Curva Sud che ha fatto registrare il sold-out del settore più “caldo” dello stadio. Tornando alla gara di domenica, la massiccia affluenza di pubblico in un’area che è stata terreno, sabato scorso, degli scontri tra i tifosi del Napoli e le forze dell’ordine, ha procurato allarme circa le possibili infiltrazioni della tifoseria partenopea tra due fazioni non tradizionalmente amiche come quelle di Roma e Juventus. Il Codacons ha richiesto oggi alla Prefettura l’anticipo della partita al pomeriggio per “garantire al meglio l’ordine pubblico”. Una soluzione che non sembra particolarmente percorribile poiché poco utile ad escludere eventuali incidenti. Lo ha detto il Sindaco di Roma, Ignazio Marino, intervenuto in mattinata ai microfoni di Radio Radio: “Il cambio di orario non coincide con garanzia di maggiore sicurezza”.

Rispetto a quanto dichiarato nell’autobiografia di Rudi Garcia dallo stesso tecnico francese (“Mi auguro che la partita di ritorno possa risultare decisiva per entrambe le squadre. Quel Roma-Juventus, in poche parole lo aspetto con impazienza”), la sfida contro i bianconeri sembra dunque assumere significati più per il contorno, che per la reale valenza di un match che nulla ha più da dire al campionato.

Fonte: repubblica.it - Monti

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom