Rassegna Stampa

Roma, Pallotta convoca Garcia

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 08-12-2015 - Ore 08:08

|
Roma, Pallotta convoca Garcia

IL MESSAGGERO - ANGELONI - Continua il via via tra lo studioTonucci e il de Russie, il doppio quartier generale di Jim Pallotta, arrivato a Roma sabato sera, accolto a Ciampino da nessuno della comunicazione del club. Trigoria è lontana, la squadra e Garcia se ne stanno lì e non hanno ancora visto sbucare il presidente. C’è una partita da preparare, non sia mai che l’attenzione cali all’improvviso per le sottili distrazioni. Con Garcia - dice Pallotta - si sente tutti i giorni, e non solo in questo soggiorno romano. Vero, verissimo, ma un vis a vis sarebbe più efficace. Ed eccolo, finalmente: oggi il presidente dovrebbe calare a Trigoria, così potrà fare due chiacchiere con il gruppo e guardare in faccia il suo allenatore, così, per far sentire la voce del padrone. Pallotta ha avuto tanto da fare in questi giorni, raccontano: impegni con il marketing, stadio, ipotesi di incontri istituzionali, domani dovrebbe vedere il commissario Francesco Paolo Tronca, da confermare invece l’appuntamento con il prefetto FrancoGabrielli. Anzi, a proposito di questo, Gabrielli, intercettato ieri dalle parti del de Russie, ha voluto precisare che «nessuno della Roma mi ha mai chiesto un appuntamento. Tranne queste dichiarazioni, che sono onestamente poco corrette, io non ho ricevuto nessun tipo di richiesta». Benissimo. E prima il problema era che nessuno rispondeva, ora nemmeno è stato richiesto alcun incontro. La verità è una finzione, come al solito. Ma Pallotta non ha preso bene le parole delprefetto, sostenendo che la richiesta di un incontro fosse stata inviata al Gabinetto del Questore, che sembra non conferma.

APPUNTAMENTI IN CENTRO Pallotta ha ricevuto tutti i componenti del suo club, da Baldissoni aSabatini, da Zubiria a Zanzi, il tutto con il sempre presente Alex Zecca. Come detto, con Garcia solo rapporti telefonici per adesso. «Non abbiamo bisogno di incontrarci, ci sentiamo quasi tutti i giorni per telefono, siamo sempre in contatto. Torino? Abbiamo avuto un paio di occasioni per vincere, ma quel rigore alla fine... Se avessimo giocatomeglio avremmo vinto. Ma è quella con il Bate Borisov la grande partita. La questione sicurezza Olimpico? Incontrerò il prefetto Tronca e il prefetto Gabrielli», annuncia Jim. Ma è quella con il Bate è la grande partita, dice. Ecco, questo fa infuriare parecchi sostenitori della Roma. Per tanti è la chiave di tutto: a Pallotta interessa solo passare il turno di Champions per una questione economica. Arriva dopo Torino e se ne va prima di Napoli(giovedì o venerdì vorrebbe fare una conferenza).

La partita di domani sera è importantissima, mancherebbe. Ma certe volte sentirsi dire altro, mostrare attenzione sulle aspettative dei tifosi, aiuta di più. Se si evidenzia, o se si comprende solo un distacco, non va bene. Garcia è rimasto solo, prepara la partita di domani sera, con la stessa ambizione di sempre. Bisognerà capire sela squadra sente la partita come la sente la società. Garcia merita la Roma, ha detto Sabatini dopo la sconfitta contro l’Atalanta. Garcia - raccontano da Trigoria -avrebbe rifiutato lo scorso anno una proposta del Real Madrid quando aveva capito che il percorso di Ancelotti era finito. Ecco perché “merita” la Roma, ecco perché Sabatini fatica a prendere una decisione che, per tutti, appare inevitabile. «Se affonda Garcia affondiamo tutti insieme», la sentenza del ds dopo l’incontro con Pallotta. Per la serie: le parole sono importanti. Importanti, non si sa quanto, anche quelle di Luciano Moggi. Lui sì, Garcia, lo avrebbe cacciato. «E’ il dramma della Roma», altra sentenza. Ma se va via Rudi, e in società assicurano che non sarà così nemmeno in caso di eliminazione col Bate, chi arriverà? Tra chi si candida (Capello) e chi aspetta (Spalletti e Mazzarri) e chi può solo valutare più in là (Di Francesco), l’elenco è sufficientemente lungo. Ma basterà un nuovo allenatore? Forse serve per dare una scossa immediata a un gruppo incompleto ma più che dignitoso,ma forse sarà necessario anche altro.

Fonte: IL MESSAGGERO - ANGELONI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

roberto 08/12/2015 - Ore 10:08

Un Tecnico non può lavorare serenamente se circolano in torno a lui chiacchiere infondate strombazzate da " giornalai ". Siamo sicuri che una situazione del genere le responsabilità non debbano ricadere sui giocatori e la direzione della società.!?

chiudi popup Damicom