Rassegna Stampa

Roma, prima rincorsa

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 25-11-2013 - Ore 09:04

|
Roma, prima rincorsa

Bizarre, che in francese significa strano, anomalo. Questo deve aver pensato ieri Garcia guardando la classifica. Per la prima volta, infatti, la sua Roma non è in cima. Ma al tecnico interessa altro. «Lunedì toccherà solo a noi decidere se restare primi o no. Quindi dico che lunedì sera saremo ancora primi », ha dichiarato Rudi sabato in conferenza stampa, alla faccia delle frasi di circostanza sul quinto posto come obbiettivo stagionale. Stasera contro il Cagliari, in un Olimpico maltrattato sabato dai giganti del rugby, De Rossi e compagni dovranno dargli ragione. Proprio il centrocampista ha stretto i denti e nonostante il dolore all’alluce del piede destro indosserà ancora la fascia da capitano, forse per l’ultima volta quest’anno davanti al proprio pubblico (Totti dovrebbe tornare con la Fiorentina). Al suo fianco Pjanic e Strootman che come De Rossi giocheranno con la diffida sulle spalle.

Ci ha provato in tutti i modi, ma non ci sarà invece Balzaretti. Niente ritorno alla difesa titolare quindi e spazio ancora a Dodò, forse l’ultima chance per il brasiliano richiesto in prestito da Livorno e Parma. Tornerà, invece, la coppia di centrali fin qui imbattuta formata da Benatia e Castan e soprattutto tornerà Gervinho a più di un mese dalla sua ultima apparizione (col Napoli il 18 ottobre). L’ivoriano sarà la punta di diamante di un tridente inedito completato da Ljajic, in versione Totti, e Florenzi (anche lui diffidato). In panchina scalpiteranno Destro, tornato tra i convocati 6 mesi dopo e voglioso di giocare una manciata di minuti, e Borriello che ha smaltito la distorsione alla caviglia rimediata col Sassuolo. «Abbiamo messo la foto della classifica negli spogliatoi perché dobbiamo ricordarci che siamo primi – ha dichiarato ieri la punta napoletana - Siamo incappati in questi due pareggi che ci possono stare, ma facciamo tesoro e cerchiamo di ripartire già col Cagliari, una squadra che in passato ci ha creato difficoltà. Ma ora le cose sono cambiate». Tra queste anche il suo rapporto con la Roma: «Rimanere qui è stata la scelta migliore e del suo ce l’ha messo Garcia con il quale ho un bellissimo rapporto. Sto parlando con la società perché vorrei chiudere qui la mia carriera». Prima però c’è il Cagliari: «Giusto, manteniamo il primato. Aspettiamo tanti tifosi allo stadio». Anche perché gran parte dell’incasso andrà agli alluvionati della Sardegna.

 

Fonte: LEGGO

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom