Rassegna Stampa

Roma Quanto 6 bella

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 30-09-2013 - Ore 09:30

|
Roma Quanto 6 bella

È tutto vero! E con questi numeri è difficile non farsi prendere dall’euforia. La Roma vince e convince anche contro il Bologna all’Olimpico, centra la sesta vittoria consecutiva restando da sola in vetta alla classifica a punteggio pieno con la miglior difesa (una sola rete incassata) e il miglior attacco (17 gol di 9 marcatori diversi) del campionato. [...] 

I cinque gol rifilati al Bologna, il gioco espresso e la sicurezza con la quale la Roma ha affrontato la partita, devono essere punto di partenza per il primo scontro diretto in programma sabato a San Siro contro l’Inter di Mazzarri: l’altra grande rivelazione di questo avvio di stagione. Certo è che se la Roma sta così e gioca questo calcio, può affrontare a testa alta chiunque.

Garcia stavolta va sul sicuro e manda in campo la Roma titolare con Gervinho confermato in attacco (Ljajic di nuovo in panchina) e il rientro di Florenzi che a Genova con la Samp aveva riposato. Conservativa anche la scelta in difesa dove l’assenza di Maicon è tamponata dall’ingresso di Torosidis sulla destra e lo spostamento a sinistra di Balzaretti: Dodò di nuovo bocciato (non è il momento di fare esperimenti).

La sostanza cambia di poco la qualità della Roma che a centrocampo è davvero di un altro pianeta. Il feeling tra De Rossi, Pjanic e Strootman aumenta col passare dei minuti ed è in quella zona del campo che Garcia costruisce le sue fortune.

Alla Roma bastano così otto minuti per portare la partita dalla sua parte: altro che partenza soft (un calcio anche alla cabala). Innesca tutto Totti che rimedia una punizione sulla trequarti. Sul pallone va Pjanic, siluro dalla distanza col povero Curci costretto alla ribattuta corta sulla quale Florenzi si avventa come un furetto: fa uno a zero, terzo gol del giovane di Acilia (capocannoniere giallorosso assieme a Gervinho e Ljajic) e Olimpico in delirio.

Ed è solo l’inizio perché col passare dei minuti la Roma diventa padrona assoluta del campo: gioca tanto e bene, tutto riesce alla perfezione agli uomini di Garcia che non buttano un pallone. Altri otto minuti e nuova gran palla di Totti sulla ripartenza innescata da Strootman e ben concertata da Florenzi. Il capitano consegna la palla a Gervinho che fa tutto da solo, semina Antonsson e inchioda per la seconda volta Curci (anche stavolta non perfetto). Due a zero e Roma in orbita. Ci sarebbe anche un rigore per i giallorossi ma Russo di Nola forse non vuole infierire.

Non cambia la dinamica di una gara già scritta nella quale non poteva mancare il contributo di Benatia: il franco-marocchino oltre a giocare una gara pazzesca in difesa sigla il suo secondo gol in giallorosso su angolo, udite udite, ancora di Totti.

Tre a zero con la Roma che concede al Bologna qualcosa solo nei minuti finali: eccesso di confidenza, un classico. Prima dell’intervallo c’è ancora il tempo per vedere Gervinho all’opera: l’ivoriano dribbla tutti, anche se stesso.

La ripresa è un’altra partita, dal cielo piove l’inferno, l’Olimpico si allaga e la Roma inizia a pensare a San Siro. Le ciliegine sulla torta le mettono prima Gervinho: gol da attaccante vero (17′), fissa il risultato sul 4-0 e regala un’altra gioia a Garcia che lo aveva voluto a Roma contro tutto e tutti. Per Ljajic entrato nel finale proprio per Gervinho che fa un gol da fenomeno.

Ai tre fischi di Russo scatta la festa, la Roma si stringe al centro del campo, si abbraccia e poi corre sotto la curva per il meritato tributo del suo popolo. [...]

Fonte: (Il Tempo – T.Carmellini)

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom