Rassegna Stampa

Roma, Sabatini dribbla Pallotta

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 03-03-2016 - Ore 07:57

|
Roma, Sabatini dribbla Pallotta

LEGGO - BALZANI – Diario di bordo: giorno 3 dall’arrivo di Pallotta a Roma e tra il presidente e Sabatini non c’è stato nemmeno il tempo di prendere un caffè insieme. Ufficialmente il ds ha la febbre, ma ieri è stato avvistato a Trigoria proprio dove 24 ore prima Mr. James si era rifatto vivo dopo un anno di assenza. Non è solo l’influenza quindi a tenere lontani i due uomini più rappresentativi del club. Nonostante le frasi e i sorrisi di facciata, infatti, il rapporto tra Pallotta e Sabatini si è incrinato negli ultimi mesi a causa di alcune ingerenze che hanno limitato il raggio d’azione del ds abituato a lavorare da solo dal giorno delle dimissioni di Baldini. 

La presenza più ingombrante è quella di Alex Zecca, il braccio destro di Pallotta che in questi giorni ha seguito il presidente come un’ombra e che nelle ultime settimane ha voluto partecipare a riunioni di mercato, conference call e summit dirigenziali. Anche per questo Sabatini, assente nelle ultime due trasferte, ha maturato la voglia di andare via un anno prima della scadenza del contratto. Un segnale arrivato fino a Boston e accolto senza troppe sorprese. Nessuno cercherà di convincere Sabatini a restare a tutti i costi, ma un incontro entro domenica ci sarà per forza di cose. Sabatini chiederà di concludere il piano di mercato avviato a gennaio tra cui l’ufficialità di Allisson e la cessione di Sanabria.
Poi – a meno di nuovi cambi d’umore – si farà da parte e comincerà ad ascoltare le offerte: Bologna, ma soprattutto Inter e Milan. Anche la Roma si metterà alla finestra e dovrà decidere se dare continuità al lavoro di Sabatini (affidandosi a Sensibile) o dare un segnale di rottura provando a convincere Berta dell’Atletico a tornare in Italia. Piace anche Carli dell’Empoli. Al fianco del nuovo (o vecchio) ds resterà comunque Zecca.

Detto che bisognerà aspettare ancora qualche giorno per la fumata bianca con Totti (prossimo appuntamento tra domani e domenica) ieri Pallotta si è concentrato sulla questione stadio visto che ancora non è stato presentato il progetto definitivo alla Regione. «Lo presenteremo ad aprile. I ritardi sono anche colpa nostra, ma non ci aspettavamo tutte queste difficoltà. Se fosse pronto nel 2021? Mi sparerei», ha detto Pallotta mimando il segno della pistola mentre usciva dalla sede dell’Enel dove ha incontrato l’ad di Microsoft Italia, uno dei possibili sponsor del nuovo impianto. Martedì sera la cena con Malagò. «Ho parlato con Pallotta delle Olimpiadi 2024 e non dello stadio», ha detto il presidente del Coni.

 

 
 

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom