Rassegna Stampa

Roma, Totti scalpita: con il Milan probabile ritorno dal primo minuto

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 12-12-2013 - Ore 18:50

|
Roma, Totti scalpita: con il Milan probabile ritorno dal primo minuto

Totti scalpita. A quattro giorni dal match di San Siro contro il Milan, il capitano giallorosso prosegue il suo recupero dall'infortunio ai muscoli ischiocruralirimediato lo scorso 18 ottobre. Recupero che tale non è più, visto che, a due mesi di distanza dalla lesione alla coscia sinistra, il numero 10 è ormai pienamente riabilitato. Con l'assenza di Pjanic (squalificato), che priva la Roma del fantasista, si fa più pressante l'esigenza di rivederlo in campo. Così come fondamentale sarà la presenza di Daniele De Rossi che, nonostante i persistenti fastidi all'alluce del piede destro, sta stringendo i denti per poter guidare il centrocampo dei giallorossi nella sfida contro i rossoneri.

TOTTI VERSO IL MILAN - Da una settimana Francesco Totti lavora con il gruppo, svolge ogni esercizio proposto da Rudi Garcia che, con la convocazione di domenica scorsa per la gara contro la Fiorentina, ha fatto capire quanto faccia affidamento sul suo pronto ritorno in campo da titolare. L'importanza dell'uomo più rappresentativo del club è stata sottolineata dagli stessi componenti dello spogliatoio. Lo sa Garcia quanto, anche solo la sua presenza, possa spostare gli equilibri e lo sa anche Castan che, al termine della gara contro i viola, ha sottolineato quanto "manchi alla squadra quando non c'è ed è importante che sia con noi, anche quando siede solo in panchina". Il ritorno di Totti ha anche la funzione di spaventare i prossimi avversari dei giallorossi. Uno degli uomini più rappresentativi del Milan, Riccardo Montolivo, ha oggi evidenziato quanto il recupero del numero 10 sia una brutta notizia per la squadra di Allegri: "E' un grande giocatore. Purtroppo rientrerà proprio contro di noi".

Ed è effettivamente probabile che la Roma possa tornare a schierare il suo uomo più forte, proprio lunedì sera contro i rossoneri. Nella seduta odierna a Trigoria ha partecipato a tutte le fasi di allenamento: lavoro di potenziamento in palestra, scambi e passaggi con la successiva parte tattica e, infine, la partitella.
Le prove tattiche, però, hanno lasciato dedurre che le preferenze del tecnico francese possano essere influenzate dal dubbio legato alla sua tenuta fisica durante i 90 minuti: difficile l'impiego come cambio a gara in corso, più probabile che, se Garcia dovesse decidere di restituirlo al campo, lo faccia dal fischio d'inizio. Il ballottaggio è tra lui e Adem Ljajic mentre certo della maglia da titolare è Gervinho, con Florenzi candidato ad occupare il terzo ruolo dell'attacco. Mattia Destro, invece, autore del gol vittoria contro la Fiorentina, sta stringendo i denti per recuperare la condizione atletica. Brutte notizie giungono da Marco Borriello, costretto ad un nuovo stop (4 giorni di riposo e terapie domiciliari) a causa del trauma distorsivo alla caviglia sinistra rimediato ieri in allenamento. Stessa caviglia che lo aveva costretto ad uscire in occasione di Roma-Sassuolo del 10 novembre scorso.

ACCIACCHI E DIFFIDATI - Le soluzioni offensive, però, sono numerose. A preoccupare il mister della Roma è la situazione del centrocampo: la squalifica di Pjanic, oltre a privare Garcia di uno dei tre pilastri della linea mediana, il più importante fulcro del gioco in queste gare in cui è mancato Totti, costringe il mister a valutare le alternative. Bradley, probabile candidato numero 1 per sostituire il bosniaco, affiancherà Strootman e De Rossi. Resta solo una fantasia, nonostante la difesa del Milan sia la quarta più battuta dell'intero campionato, la possibilità di vedere Florenzi arretrato al fianco di De Rossi e Strootman con Totti ad agire alle spalle di Gervinho e Ljajic.

Proprio Daniele De Rossi tiene in apprensione lo staff medico della Roma a causa del solito fastidio all'alluce che ha imposto al centrocampista di Ostia un regime personalizzato per evitare di sforzare eccessivamente il piede destro. Nonostante il lavoro differenziato svolto oggi insieme al preparatore Ferrari, i piani prevedono un progressivo rientro in gruppo, man mano che ci si avvicina all'impegno di lunedì sera: difficile che, senza Pjanic, la squadra possa fare a meno anche di lui. Difficile che lui non faccia di tutto per esserci, in un impegno che, in caso di 3 punti, potrebbe confermare le distanze dai primi della classe.

De Rossi potrà approfittare della pausa successiva a Roma-Catania (22 dicembre), per recuperare a pieno dal fastidio rimediato nell'ultimo impegno della Nazionale. Sempre che non debba fare i conti, però, con un cartellino giallo che ne comporterebbe l'automatica squalifica: De Rossi, Strootman, Florenzi, Ljajic e Maicon compongono, infatti, una lista che, oltre ad essere lunga e a riguardare gli uomini che hanno guidato i giallorossi in questo avvio di campionato, allarma in vista degli impegni futuri. La Roma, che ritroverà a Milano l'arbitro Gianluca Rocchi (6 espulsioni in 29 precedenti), dovrà prestare attenzione alla spada di Damocle dei cartellini: alla lista bisogna aggiungere anche lo stesso Pjanic, rimasto in diffida nonostante l'espulsione rimediata contro la Fiorentina.

 

Fonte: repubblica.it

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom