Rassegna Stampa

Roma, tre vecchi acquisti

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 31-12-2014 - Ore 08:34

|
Roma, tre vecchi acquisti

Walter Sabatini in versione Babbo Natale è in viaggio: i regali arriveranno (se arriveranno e quanti ne arriveranno non si sa di preciso) per gennaio, quindi dopo le feste, quasi sicuramente anche dopo la Befana, quando la Roma avrà già giocato con l’Udinese. Garcia aspetta e spera: glimanca un centrale difensivo, un attaccante da definire (se sostituto di Borriello e/o di Destro),magari anche un terzino sinistro (data per scontata la partenza di Emanuelson,Holebas non basterebbe) o che sappia coprire entrambe le fasce (vedi Darmian). Per adesso Rudi fa il fuoco (e di questi tempi…) con la legna che ha. L’anno ricomincia senza qualche pezzo di livello,Keita e Gervinho, come ampiamente nei programmi, salteranno Udine, non sono servite le negoziazioni diplomatiche con le federazioni del Mali e della Costa d’Avorio. Tanta roba. Il tecnico francese ha bisogno di ritrovare un bel po’ di cose per il 2015: prima di tutto il calcio spettacolare della passata stagione, poi alcuni elementi determinantiche, per unmotivo o perun altro, si sono persi per strada. Tre regali, intanto,Rudise li trova incasa. Due praticamente da scartare, Iturbe e Strootman, un altro da riparare, De Rossi.

MANUEL ALL’ESAME Iturbe, ad esempio, è l’uomo che dovrà sostituireGervinho e quindi ha l’occasione per trovare un po’ di continuità. Nella sua testa forse pesa quel senso di responsabilità per essere l’acquisto più pagato dagli americani, la voglia di strafare lo ha ingoiato. Poi, gli infortuni e la timidezza lo hanno portato fuori strada: l’ultima immagine trasmessa è quel colpo di testa goffo di Marassi e i pochiminuti senza lasciare traccia contro ilMilan. Forse tutti i suoi problemi sono nati nella serata migliore, con il Cskaall’Olimpico:un gol,unaprestazionedi livello e poi l’infortunio.Manuel adesso riparte. Ricordare che con quel numero di maglia, il 7, in quel ruolo, ala, e con lo stesso piede, il sinistro, un certo Bruno Conti ha fatto la storia della Roma, magari può aiutarlo. Anno nuovo, nuovo Iturbe. Questo Garcia vuole, anzi pretende. Insomma, se non ora,quando?

KEVIN IL GUERRIERO Fa quasi tenerezza vedere quel gigante olandese un po’ impacciato e inerme davanti ai suoi avversari. Strootman non è ancora pronto, questo è un problema. Pochiminuti con il Torino all’Olimpico, poi a Mosca, titolare con il Sassuolo. Tre presenze che gli hanno fatto piùmale che bene. Che hanno offuscato l’immagine del guerriero indispensabile della passata stagione. Sono passati novemesi dall’infortunio, siamo quasi al decimo. E diStrootman ancora alcuna traccia. Difficile che giochi a Udine come titolare, ma da qui entro la fine di gennaio, Kevin dovràper forza aver superato certe paure e incertezze. Lui sì, può essere considerato un nuovoacquisto. Magari da rivedere in futuro, non si sa, sicuramente da utilizzare al meglio per questa parte della stagione.Certo, se passeranno lesettimane eancorarivedremo lo Strootman di Roma-Sassuolo,un campanello di allarme andrà suonato. La speranza di Rudi è che possa tornare a breve quello di prima. E’più di una speranza.

IL FURORE DI DANIELE Su De Rossi il discorso è diverso. Daniele va recuperato soprattutto psicologicamente. Gli si rilegge negli occhi quella paura vissuta nel passato: quella di non piacere più, quella che gli faceva sentire dei mormorii fastidiosi ad ogni errore, quella che gli ha fatto pensare di lasciare la maglia che ama da quando è bambino. Il nuovo anno deve restituire a Garcia il De Rossi esplosivo del passato recente, quello che si piazza davanti alla difesa e scivola su ogni traiettoria del pallone. Quello che Spalletti rimproverava per il troppo furore agonistico. «Daniele va frenato», confidava Lucio. Perché era libero nella testa, adesso a quasi 32 anni lo è un po’meno. Tantomeno, forse.

Fonte: IL MESSAGGERO A. ANGELONI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom