Rassegna Stampa

Roma, tris nel test con il Terek. Spalletti: "Presto arriverà un altro difensore"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 17-07-2016 - Ore 22:25

|
Roma, tris nel test con il Terek. Spalletti:

REPUBBLICA.IT - MONTI - "Un buon allenamento, a parte qualche distrazione". Così commenta l'ultimo appuntamento del ritito di Pinzolo, Luciano Spalletti. Contro il Terek Grozny (3-2 con gol di Perotti, Dzeko e Marchizza) la prima apparizione in giallorosso di Juan Jesus, arrivato a cinque giorni di distanza dalla chiusura della prima parte di preparazione estiva della Roma, dopo un tira e molla durato tre sessioni di mercato. "È quello che ci aspettavamo, c'è da limare qualcosa sui concetti della linea difensiva", il giudizio a caldo del tecnico sulla prestazione del brasiliano, presentato in mattinata in conferenza stampa. Numero 3 sulle spalle, la voglia di dimenticare in fretta una stagione - a causa di qualche guaio alla caviglia e, soprattutto, delle scelte di Mancini - piuttosto altalenante. L'obiettivo per il difensore brasiliano è soltanto uno: "Passare il turno di Champions e fare bene in campionato". Il reparto comunque è in via di completamento:  "Arriverà di certo un nuovo difensore a breve -annuncia Spalletti-. Non ho idea di chi sarà, di questo se ne occupa Sabatini. L'ho sentito al telefono e mi è sembrato ottimista: vuol dire che ha qualche cosa di positivo sotto mano".

SI PRESENTA JUAN JESUS: "DEVO FARE IL SALTO" - 110 presenze in Serie A con l'Inter ed un trascorso con la selezione brasiliana (4 gare con la selezione maggiore e la trafila tra le giovanili). I soli 25 anni, il piede mancino e la duttilità nel giocare sia da difensore centrale che, nell'eventualità, più defilato verso il lato sinistro del campo, hanno convinto la Roma - che si appresta ad ufficializzare anche Nacho del Real ad inizio della prossima settimana - ad affondare la trattativa. "Ringrazio la società per questa opportunità - dice Jesus nella conferenza stampa di presentazione - Devo fare il salto di qualità, la strada è lunga, devo stare attento a sbagliare meno. In questi anni ho sofferto un po', è difficile giocare nell'Inter. Sappiamo tutti che pressione c'è a San Siro: quando le cose non vanno bene purtroppo la gente vuole un bersaglio, indicare un colpevole. Con Mancini ho avuto sempre un buon rapporto, lo ringrazio comunque per quello che ha fatto per me. Ma in generale - conclude il brasiliano - la squadra non ha funzionato e non so dire il perché. Qui c'è un nuovo obiettivo, anche a livello personale: devo trovare cose nuove e farle per bene. Sono contento, sto imparando di più ogni giorno e qui farò bene sicuramente. Devo ripartire da qui, ascoltando Spalletti: ho ancora tante cose da fare per migliorare".

SUBITO TITOLARE IN AMICHEVOLE - Un rapido confronto con il tecnico che gli ha domandato il suo ruolo preferito: "Ho risposto centrale a sinistra. Ma se si tratta di aiutare la squadra posso giocare in più ruoli, l'importante è entrare in campo e farlo bene". Già dal pomeriggio quando, impiegato da titolare al centro della difesa, ha disputato 75 minuti da titolare contro i russi del Terek Grozny: una prima assoluta anche per la società, primo club al mondo a trasmettere live un match tramite la piattaforma sociale di Facebook. Un'occasione per vederlo subito in azione: "Da avversario - dice Jesus - è sempre stato difficile giocare contro la Roma, tecnicamente siamo fortissimi e se stiamo insieme possiamo arrivare lontano". Due i giocatori presi a riferimento dall'ex Inter: "Juan è sempre stato il mio idolo, così come Aldair. Spero di fare almeno il 70% di quello che hanno fatto loro: sicuramente ho tanta voglia di fare bene, ho forza e potenza. Devo migliorare nei confronti della linea difensiva, capire quando salire, tornare e stare un po' più attento. Spalletti mi sta aiutando tantissimo". Con la presentazione di Jesus, l'arrivo di Nacho e la vicina riconferma del prestito di Szczesny Il tecnico toscano potrà disporre di un pacchetto arretrato completo in vista della partenza per Boston, il prossimo 23 luglio. A poco più di tre settimane dal primo dentro-fuori della stagione.

3-2 CONTRO IL TEREK. SPALLETTI: "SODDISFATTO DEL RITIRO" -"Sono soddisfatto, Pinzolo è un bel posto e una buona situazione per allenarsi. L'abbraccio affettuoso del nostro pubblico è stato importante". Luciano Spalletti conclude la spedizione sulle Dolomiti della sua squadra, al termine dell'amichevole vinta per 3-2 contro i russi del Terek. In gol, oltre a Perotti e al giovane Marchizza, anche Edin

Dzeko che continua a mostrare la sua voglia di riscatto: "Sta dimostrando di essere dentro la situazione e voler rifarsi dalla passata stagione, sempre se si può parlare di riscatto". L'assist, confezionato da capitan Totti ("Il suo marchio") che, insieme ai compagni ha salutato la Val Rendena per proiettarsi alla prossima tappa estiva: la tournèe statunitense che anticiperà il preliminare di Champions di metà agosto.

 

Fonte: Repubblica.it - M.Monti

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom