Rassegna Stampa

Sacchi: "Dietro la Juve c'è la Roma. Spalletti è bravo e preparato"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 19-08-2016 - Ore 07:48

|
Sacchi:

Arrigo Sacchi ha rilasciato una lunga intervista a La Gazzetta dello Sport. L’allenatore e opinionista Tv, ha detto la sua sul campionato e sulle squadre che da domani si sfideranno nel corso della stagione di Serie A 2016-2017. Questi alcuni passaggi, con un particolare riferimento alla squadra di Spalletti e non solo:

Chi vede dietro la Juve?

«La Roma. Spalletti è molto bravo e molto preparato. Ho seguito la partita contro il Porto. Nella prima mezzora la Roma ha dominato. Dopo il gol dell’1-0 ha cominciato a tirarsi indietro, poi è venuta l’espulsione di Vermaelen e tutto si è complicato. Ma se Spalletti sistema la fase di non possesso palla, allora la Roma può andare lontano».

E il Napoli senza Higuain?

«Tutto da scoprire. Si parte, però, da una certezza: Sarri. E’ un allenatore bravissimo, anche se i miracoli li fa soltanto il Signore... Diciamo che a livello individuale ha perso qualcosa, però sul piano del gioco può continuare a stupire. Vede, il Napoli è una delle poche squadre italiane che ha uno stile. Significa che, quando la guardo, riconosco la mano del tecnico, ha un’identità ben precisa. A Napoli il salto di qualità deve farlo l’ambiente».

Che cosa si augura di vedere?

«Squadre che abbiano voglia di attaccare, di divertire, di appassionare il pubblico. Prendiamo la Juve: vorrei vederla protagonista in Europa. Ma essere protagonisti non significa soltanto vincere. Vuol dire essere belli, armoniosi, convincenti. E coraggiosi. Ecco, mi auguro che le squadre italiane, dopo aver segnato il gol del vantaggio, facciano un passo in avanti anziché uno indietro. Potrebbe sembrare un dettaglio, ma in realtà si tratterebbe di un’autentica rivoluzione».

Fonte: La Gazzetta dello Sport - Schianchi

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom