Rassegna Stampa

Sadiq, che stangata: 6 turni di stop, addio alle finali

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 28-04-2016 - Ore 08:20

|
Sadiq, che stangata: 6 turni di stop, addio alle finali

GAZZETTA DELLO SPORT – D’ANGELO - Come rovinare una stagione memorabile per due minuti di follia. È stata pesantissima la mano del giudice sportivo nei confronti di Umar Sadiq, centravanti della Primavera della Roma, espulso nel derby contro la Lazio dell’ultimo turno: sei giornate di squalifica. Praticamente, stagione finita. Come si legge nel comunicato ufficiale, la stangata è arrivata «per avere, al 25° del primo tempo, con il pallone non a distanza... colpito un calciatore avversario con una gomitata al volto... successivamente, mentre abbandonava il terreno di giuoco ... si dirigeva nuovamente verso il calciatore avversario che giaceva a terra e lo colpiva, nuovamente, con una ginocchiata al volto». Il peggiore epilogo possibile per Sadiq, arrivato l’ultimo giorno di mercato della scorsa estate dallo Spezia - con cui aveva vinto il titolo di capocannoniere del campionato Primavera 2014-15 - per una cifra intorno ai tre milioni di euro (tra prestito e obbligo di riscatto) e capace di conquistare con Garcia anche una maglia da titolare in prima squadra, con cui ha giocato sei gare, realizzando due reti.

RICORSO La sceneggiata di Sadiq non è sfuggita proprio a nessuno, visto che il derby è andato in onda in diretta tv. E il nigeriano non voleva nemmeno abbandonare il terreno di gioco dopo l’espulsione rimediata, che adesso non solo rischia di rovinare la sua immagine, ma mette in difficoltà la Roma in vista delle finali scudetto in Emilia Romagna. La Roma ha annunciato che farà ricorso, ma per rivederlo in campo dovrebbe riuscire a ottenere almeno due giornate di sconto, e in quel caso Sadiq tornerebbe in campo solo per un’eventuale finale. parabola È davvero curiosa la parabola di Sadiq, finito sui taccuini di grandi club europei come Arsenal e Borussia Dortmund, ma praticamente sparito dai radar della prima squadra dopo il ritorno a Trigoria di Luciano Spalletti, che gli ha concesso un minuto più recupero nella trasferta di Torino allo Juventus Stadium e poi non lo ha più schierato, di fatto rispedendolo da Albero De Rossi. Che con Sadiq era in prima fila per il titolo, insieme alla Juve, l’altra grande stangata dal giudice sportivo. Tre turni a vadalà Grosso infatti perde per le prossime tre gare (dunque molto probabilmente per i quarti scudetto) l’argentino Guido Vadalà, arrivato dal Boca nell’affare Tevez. Vadalà nel recupero ha scalciato un avversario a terra a Livorno, perdendo anche lui la sfida con i nervi. Una follia che potrebbe incidere pesantemente sul suo futuro, con la Juve che a breve deciderà se riscattarlo.

Fonte: GAZZETTA DELLO SPORT – D’ANGELO

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom