Rassegna Stampa

Salah, la forza dell’ottimismo

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 10-11-2015 - Ore 07:36

|
Salah, la forza dell’ottimismo

CORRIERE DELLA SERA - PIACENTINI - Non è una vittoria di Pirro, come in passato Rudi Garcia ha definito alcune gare in cui ha perso per infortunio giocatori importanti, ma il prezzo pagato dalla Roma per l’arbitraggio troppo permissivo di Tagliavento è comunque alto. 
Mohamed Salah, uscito dal campo in barella dopo essere stato toccato durissimo da Lulic (ieri il bosniaco ha mandato un messaggio di scuse su Facebook), ha riportato una «una lesione capsulo-legamentosa di secondo grado del compartimento articolare esterno di caviglia destra». 
«Tornerò più forte di prima», ha promesso attraverso i social network l’egiziano. Quando? Il periodo di stop previsto va dalle 4 alle 6 settimane, più la prima della seconda si augura il tecnico giallorosso, visto che nel recente passato molti degli infortunati hanno recuperato più velocemente rispetto alle previsioni dello staff medico. Considerando che ci sono 15 giorni di sosta, la trasferta di Napoli (13 dicembre) potrebbe essere l’occasione giusta per rivederlo nella lista dei convocati. Se invece i tempi saranno più lunghi, il rischio per Garcia è addirittura quello di riaverlo a disposizione nel 2016. Salah si sente meglio, rispetto a domenica, ed è ottimista. 
Tornerà senza dubbio prima Francesco Totti, fermo dalla gara del 26 settembre con il Carpi. Ieri mattina il capitano giallorosso si è sottoposto a degli esami che hanno evidenziato «un miglioramento del quadro clinico» che nei prossimi giorni gli consentirà di ricominciare a lavorare sul campo. Potrebbe essere nella lista dei convocati per la trasferta del 21 novembre a Bologna, alla ripresa del campionato, o per la sfida del 24 in Champions contro il Barcellona. 
Ad eccezione dei nazionali - sono 12 - Rudi Garcia potrà sfruttare la sosta per far recuperare a molti dei suoi una discreta condizione fisica: De Rossi, Castan, Maicon, lo stesso Keita, che è rientrato nella parte finale del derby, potranno essere delle risorse in più nelle 8 partite (compresi gli ottavi di finale di Coppa Italia) che i giallorossi dovranno affrontare fino a Natale e in cui si deciderà il passaggio del turno in Champions League. 
Contro il Bologna ci sarà il ritorno di Pjanic, che ha saltato il derby per squalifica e che con Dzeko giocherà due partite «vere»: la Bosnia, infatti, affronterà l’Irlanda nei play-off di qualificazione agli Europei. Impegni che contano anche per Gervinho (la Costa d’Avorio giocherà contro la Liberia nelle qualificazioni ai mondiali del 2018) e per Uçan (con l’Under 21 turca in corsa per l’Europeo). Tutti gli altri, da Digne a Ruediger, richiamato da Loew dopo cinque mesi, passando per Torosidis e Manolas, Nainggolan e Florenzi (che si affronteranno venerdì), Gyomber e Szczesny, giocheranno delle amichevoli con un solo imperativo: tornare sani a Trigoria. 

Fonte: CORRIERE DELLA SERA - PIACENTINI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom