Rassegna Stampa

Sarà tutta un’altra Roma...

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 16-12-2015 - Ore 07:00

|
Sarà tutta un’altra Roma...

GAZZETTA DELLO SPORT - ZUCCHELLI - Passaggio del turno a parte, Roma-Spezia potrebbe davvero contare qualcosa soltanto per loro. Loro sono quei giocatori che Garcia costringe, quasi sempre, a restare in panchina, guardando i compagni giocare anche quando le forze sono ridotte allo stremo. Ieri il tecnico ha detto che «conteranno forma fisica e motivazioni» e allora sì, loro, cioè quelli che giocano meno, oggi potrebbero avere la grande opportunità. Escluso De Sanctis, portiere di Coppa, in tanti aspettano un’occasione: se l’aspetta Castan, che vuole dimostrare di essere tornato ai suoi livelli; se l’aspetta Emerson Palmieri, uno che si allena sempre come se la domenica dovesse giocare e invece il campo lo vede col contagocce; se l’aspetta Uçan, forse all’ultima all’Olimpico; e se l’aspettano anche Gyomber e Vainqueur. Qualcuno partirà dall’inizio, qualcun altro entrerà a gara inoltrata, tutti vogliono dimostrare il loro valore. Consapevoli che in 90’ non è facile, basti prendere il caso Paredes, lo scorso anno oggetto — quasi — misterioso e oggi, con l’Empoli, uno tra i migliori centrocampisti del campionato [...] Adesso ci arriva col fiato corto, con «Keita e Gervinho rimasti a casa e Manolas che ha preso un colpo a Napoli. La Coppa Italia è la strada più corta per vincere un trofeo», ha detto Garcia, ribadendo le parole del passato. Peccato però non gli abbiano portato bene, visto che la Roma è uscita prima in semifinale col Napoli e poi ai quarti con la Fiorentina. 
RIVOLUZIONE E PASSATO Stavolta Garcia garantisce che la squadra «darà anche più del 100%, non sottovalutando l’avversario in alcun modo», ma sembra orientato a cambiare molto. A destra dovrebbe tornare Maicon, al centro con Castan toccherà a Rüdiger, a sinistra invece ad Emerson, talento brasiliano su cui Sabatini scommette, ma che finora ha giocato appena 24’. A centrocampo si candidano Vainqueur e Uçan e con loro lo stakanovista Nainggolan, mentre Pjanic balla tra il 4-3-3 e il 4-3-1-2, dove potrebbe agire alle spalle di Dzeko e una seconda punta, Salah o Iturbe, in modo fa dar riposare Florenzi e magari anche Iago Falque [... ] 

Fonte: GAZZETTA DELLO SPORT - ZUCCHELLI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom