Rassegna Stampa

Scandalo mondiale, tocca agli 007

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 01-12-2014 - Ore 11:20

|
Scandalo mondiale, tocca agli 007

Se ne parla già dal giorno della votazione, il 2 dicembre 2010. Di recente poi la polemica è riscoppiata quando la Fifa ha presentato un’inchiesta che scagionava i due Paesi sospettati ma è stata sbugiardata dal procuratore Michael Garcia, che quell’inchiesta ha condotto: secondo Garcia i maneggi ci sono stati eccome, ma la Fifa li avrebbe occultati per salvare i propri piani e portafogli. Ora questo rapporto dell’intelligence di Sua Maestà aggiungerebbe nuove «prove incendiarie » dell’avvenuto pagamento di megatangenti in ogni forma. Qatar e Russia avrebbero stretto un patto di reciproco sostegno attraverso una jointventure per l’estrazione e la gestione comune di un giacimento di gas in Siberia. E tra le tante corruzioni private la più spettacolare — in pieno Ian Fleming — sarebbe quella compiuta dal Cremlino nell’assicurarsi l’appoggio del delegato belga Michel D’Hooghe. Come? Con un prezioso dipinto custodito all’Hermitage. Scovati i cattivi, resta comunque da capire chi siano i buoni, sempre che in questa storia esistano. «Siamo preoccupati anche per il comportamento del nostro comitato organizzatore », ha commentato non a caso John Whittingdale, presidente della commissione cultura media e sport. Perché attenzione: anche l’Inghilterra (candidata per il 2018) avrebbe stretto un accordo illecito con laCorea per uno scambio di voti. Solo che a lei è andata male. In un quadro simile non sorprende che ieri Joseph Blatter abbia riso di loro, di noi e di tutti. «Signore e signori, credetemi, nel 2022 si giocherà in Qatar. Chi ci accusa non conosce come funziona il mondo del calcio». Perché, funziona?

Fonte: CORSERA (A. PASINI)

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom