Rassegna Stampa

Schiavi della tv, pochi allo stadio: il rapporto Uefa bacchetta l’Italia

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 21-10-2015 - Ore 07:44

|
Schiavi della tv, pochi allo stadio: il rapporto Uefa bacchetta l’Italia

GAZZETTA DELLO SPORT - LICARI - Gli stipendi crescono meno rispetto alle altre grandi d’Europa, ma la tv conta troppo nel bilancio globale. I ricavi aumentano ma calano le entrate dalle biglietterie. Ben 6 dei 20 club più «costosi» d’Europa sono in Serie A. E nessun campionato ha una così alta percentuale di pareggi. Ci sono mille altri indicatori, ma questi offrono già un’immagine chiara dell’Italia del calcio nel 2014 secondo l’annuale, dettagliatissimo, rapporto Uefa sullo stato del pallone nell’era del fair play. Troppe contraddizioni. 
CONTRADDIZIONI ITALIA Negli ultimi 5 anni i ricavi sono aumentati di 215 milioni e gli stipendi di 143: buon segno ma, segnala l’Uefa, la competitività rispetto agli altri club è calata. Siamo troppo schiavi dei diritti tv : 888 milioni, il 51% dei ricavi totali. In Germania solo il 25%, in Spagna il 37%, in Inghilterra il 49%, sì, ma su un totale folle di quasi 2 miliardi di euro. Inoltre andiamo poco allo stadio: solo l’11% delle entrate arriva dai biglietti (196 milioni), mentre Inghilterra, Spagna e Germania sono tutte al 20% con cifre assolute doppie e triple. D’altra parte, se chi comanda ha interessi tv, sarà difficile sviluppare stadi ospitali. Capitolo stipendi . I club italiani pagano 1,24 miliardi all’anno, meno di inglesi (2,28) e tedeschi (1,14 per 18 squadre), però la cifra assorbe il 71% delle entrate: meglio solo di Turchia e Ucraina... 
CHE BEL MERCATO Dagli sponsor e dal commerciale arrivano 407 milioni: il 23% del totale. D’altra parte negli stadi europei i tifosi vanno con le magliette dei loro club, da noi no (prezzi troppo alti?). Però, questo è il bello, o il brutto, nel mercato siamo paperoni come gli inglesi. I nostri club hanno speso 2,14 miliardi (media per squadra quasi 107 milioni): la Premier arriva a 3,4 ma la Spagna, terza, non raggiunge 1,5 miliardi. Ecco perché Inter (8°), Juve (11°), Napoli (13°), Roma (17°), Fiorentina (18°) e Milan (19°) sono tra le 20 squadre più «costose» d’Europa. Significa qualcosa? 
OK JUVE MA... Naturalmente, in tutte le classifiche l’italiana meglio piazzata è quasi sempre la Juve, anche nel fatturato: con 279 milioni è 10° ma migliorerà di sicuro dopo l’ultima ricchissima Champions (89 milioni). Diventa fondamentale partecipare alle coppe (immaginate la Juve un anno fuori e il suo bilancio). E, malgrado l’Uefa non sia d’accordo, il fair play produce un certo «effetto fotografia» che cristallizza posizioni positive e negative. In ogni caso l’Europa sta meglio. Aumentano le entrate totali (16 miliardi), si riduce l’indebitamento netto (oltre un miliardo), si riduce il tasso di crescita degli stipendi (3%) e vengono pagati i debiti per acquisti e stipendi (-80%). Insomma, le regole un certo risultato l’hanno prodotto: si poteva far meglio, ma questo è meglio del niente del passato. 
INGHILTERRA E IL RESTO Un problema con il quale confrontarsi presto è il valore dei diritti tv inglesi: i 20 club di Premier hanno entrate maggiori dei 597 club delle 48 federazioni minori (escluse cioè Italia, Spagna, Germania e Francia). Proprio come la California ha un pil superiore a quello di decine di Stati. Non è il massimo.

Fonte: GAZZETTA DELLO SPORT - LICARI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom