Rassegna Stampa

Schumacher, il trasferimento? "Operazione da intelligence"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 19-06-2014 - Ore 10:55

|
Schumacher, il trasferimento?

Il trasferimento di Michael Schumacher da Grenoble a Losanna è stato organizzato come una "operazione da servizi segreti". Così almeno scrive il quotidiano svizzero Blick, che sarebbe venuto a conoscenza di alcuni dettagli. Ad esempio l'azienda specializzata che si è occupata del trasferimento, pare in ambulanza, "non sapeva che il paziente era Schumacher". Anzi. Al personale era stato fornito un nome falso. Non solo: coloro che si erano occupati del viaggio "avevano dovuto lasciare in custodia i propri telefoni prima della partenza". Evidentemente per evitare che qualcuno potesse essere colto dalla tentazione di fare uno scoop planetario immortalando il malmesso campione. Schumi durante il tragitto sarebbe stato "anche cosciente e capace di comunicare con cenni del capo ai medici".
PESO — Il Blick avrebbe anche confermato quanto circola da tempo e cioè che Schumi sia dimagrito drasticamente in questi mesi, tanto da pesare ora 55 chili, 20 in meno del suo peso forma.
MIRACOLO — Intanto dalle colonne della Sport Bild è intervenuto anche Sebastian Vettel. "È un piccolo miracolo. Direi che vince per distacco il titolo di migliore notizia!", è stato il commento del quattro volte iridato, che ha sempre avuto un rapporto speciale con Schumi. A questo proposito Gerhard Berger ha ricordato come Michael avesse visto in questo ragazzino un potenziale erede: "Eravamo in vacanza insieme quando mi raccontò di un giovane pilota che era qualcosa di molto speciale". Era appunto Sebastian, che ora tifa per il suo vecchio idolo: "È un grande passo del quale sono molto felice. Soprattutto se si pensa alle cattive notizie di questi mesi, questa evoluzione sembra un piccolo miracolo. Auguro a lui e alla sua famiglia il meglio".
AMARCORD — Intanto la F.1 ha raggiunto Zeltweg, che non ospita un gran premio iridato da 11 anni, (ri)scoprendo che proprio Schumi vinse le ultime due edizioni: quella amarissima del 2002, quando venne fischiato sul podio per aver sottratto il successo a Rubens Barrichello in seguito a un ordine di scuderia, e quello invece eroico del 2003. In quella occasione, malgrado una fiammata per una perdita di benzina al rifornimento, Schumi restò imperterrito al volante, ripartì e vinse.

Fonte: Gazzetta dello Sport

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom