Rassegna Stampa

Scontri Coppa Italia, Il teste chiave si contraddice. Sarà indagato

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 07-06-2014 - Ore 08:17

|
Scontri Coppa Italia, Il teste chiave si contraddice. Sarà indagato

Incidente probatorio con colpo di scena nell’inchiesta sugli scontri tra romani e napoletani a Tor di Quinto,il 3 maggio scorso prima della finale di Coppa Italia tra azzurri e Fiorentina.

Il supertestimone che accusa Daniele De Santis rischia di essere co-indagato per rissa. Raffaele Puzone è il tifoso napoletano che avrebbe riconosciuto l’ultra romanista sparare alcuni colpi di pistola contro i rivali,dopo aver assaltato un pullman ed essere stato inseguito in una stradina laterale. «Ero accanto a Ciro Esposito – il tifoso partenopeo a lungo in pericolo di vita per le ferite riportate, ndr – quando De Santis ha sparato», ha detto Puzone ai pm Eugenio Albamonte e Antonino Di Maio. «Ero circa 10 metri dietro a Ciro Esposito», ha invece risposto a una sollecitazione dell’avvocato Tommaso Politi.

 

Da qui i dubbi del gip Giacomo Ebner che ha nominato d’ufficio un difensore per Puzone, il quale ha scelto poi di non rispondere più. L’udienza di ieri ha formalizzato inoltre l’incarico dato a sei periti (cinque vengono dal Ris dei carabinieri) che dovranno compiere gli accertamenti tecnico-scientifici: stub completo, esame del dna e delle impronte sulla pistola, esami balistici e dinamica degli scontri. Fra 90 giorni le loro conclusioni.

Fonte: Corsera (F.Fiano/R.Frignani)

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom