Rassegna Stampa

Segue dalla prima

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 30-11-2015 - Ore 07:09

|
Segue dalla prima

IL TEMPO - GIUBILO - 

a classifica non è ancora deficitaria, un quarto posto e distacchi colmabili, ma la condizione fisica e mentale della squadra non spalanca orizzonti rosei. Le sorti di Garcia restano legate alla sfida con il Bate Borisov, fallire gli ottavi di Champions sarebbe imperdonabile.

La sesta sconfitta in trasferta lascia molta amarezza in casa Lazio. Igli Tare boccia senza appello le decisioni arbitrali, ma si può anche discutere sul radicale cambio di atteggiamento, con troppi attaccanti tutti insieme in campo nel finale. Le immagini televisive hanno confermato che le proteste della panchina laziale erano ampiamente giustificate.

Non sono mancate le sorprese nel pomeriggio festivo, a cominciare dalla vittoria del Carpi, ex fanalino di coda, a Marassi sul Genoa a lungo in inferiorità numerica. Borriello, finalmente impiegato a tempo pieno, segna un bel gol e offre il pallone della vittoria a Zaccardo, che è stato perfino campione del Mondo quando Lippi ha usurpato un titolo meritato a Panucci.

Il nuovo passo falso rimette il discussione, per l’ennesima volta, la posizione di Mandorlini sulla panchina dell’Hellas, tradita dalla follia di Rafael, espulso per aver rifilato una gomitata a Paganini a gioco fermo, con rigore e rosso inevitabili. Giornataccia anche per Romeo e Giulietta, con il Chievo sconfitto in casa dall’Udinese. Per Di Natale, entrato nella ripresa, la perla dell’assist per il gol decisivo di Thereau. Avremo un lunedì di gala. Cinquanta punti totali tra Sassuolo e Fiorentina, di fronte nel tardo pomeriggio. Ma addirittura cinquantotto quelli complessivamente messi insieme da Inter e Napoli, interpreti della notturna al San Paolo. Sarri farà affidamento sulla vena dei suoi quasi infallibili artiglieri, Higuain e Insigne. Ci vorrà la loro più felice ispirazione per fare breccia nella più forte difesa del campionato. Mancini difficilmente si concederà avventure, badando soprattutto a proteggere Handanovic senza dovergli chiedere altri miracoli.

 

Fonte: IL TEMPO - GIUBILO

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom