Rassegna Stampa

Senza rigore

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 13-05-2013 - Ore 11:14

|
Senza rigore

(Il Romanista – T.Cagnucci) Niente. Zero a zero, in bianco come la maglietta. Niente Europa, niente rigore sacrosanto su Lamela, cioè niente rigore contro Berlusconi, niente proteste, niente. Niente gioco in undici contro dieci, niente rosso per il nero Balotelli e non c’entra Stendhal piuttosto Rocchi di Firenze dove adesso capiranno ancora meglio i fischi e i fiaschi di Mazzoleni.Niente che ci interessi, niente, solo qualche frustrante rimpianto pure dentro una partita dove non c’era moltissimo da sognare e dove alla fine ti ritrovi in mano con niente. Nemmeno col Capitano. Che esce dal campionato nel momento stesso in cui ci esce la sua Roma. C’è quasi un simbolismo religioso in questo, c’è persino del giusto nell’espulsione, nel senso di un riguardo nei confronti dell’unico giocatore che sicuramente quella maglia in questo campionato l’ha portata senza macchia fino alla fine, fino a quest’altra specie di piagnisteo diMexes stavolta compagno di Pazzini

 

Come a dire: fate la fotografia alla Roma che esce dal campionato senza Europa, alla Roma che arriva settima, ma non metteteci Totti per favore, perché lui – rosso o non rosso, cori o non cori – si meriterebbe tutto. Tutto. Tutto è ancora quello da prendere, tutto è ancora quello che devono dimostrare tutti: società, squadra, vecchio, nuovo o nuovissimo allenatore. C’è il tempo di una partita e c’è ancora persino il tempo del futuro, purché si costruisca. Ieri mentre a San Siro non succedeva niente, a Manchester sir Alex Fergusondiceva addio al suo United. Ha vinto tutto ma per farlo ha aspettato quattro anni (per una Coppa di casa) e persino sette per un campionato.Questo va detto, questo va ricordato, ma quel Manchester di Ferguson era già il Manchester di Ferguson dal primo giorno, non di Luis Enrique per tre quarti di stagione o di Zeman per mezza. Va programmato, costruito, eretto davvero ferocemente il futuro della Roma e poi difeso ogni centimetro, ogni secondo. Senza ambiguità, né personalismi, senza permalosità. Sempre ieri il Watford di Cassetti ha segnato al 97’ il gol che lo porta a Wembley per la promozione in Premier nell’azione di un rigore parato che nemmeno trenta secondi prima l’avrebbe eliminato. E’ il bello, il bellissimo e il tremendo del calcio. E’ quello che ci aspetta il 26 maggio.

 

Sarà così a ogni calcio d’angolo, sarà così già adesso, è così per i tifosi della Roma. Queste giornate sono terre di mezze, sono mezze stagioni, lunghi e noiosissimi pomeriggi, intervalli dove si può ancora facilmente giustificare ancora questo niente purché quel giono, quel pomeriggio, quella sera la Roma si prenda quello che si deve prendere: la Coppa, la Stella, l’Europa, il Derby… Tutto.

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom