Rassegna Stampa

Serie A…Tin: “Alla Roma sto studiando per diventare un campione”

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 29-11-2013 - Ore 09:50

|
Serie A…Tin: “Alla Roma sto studiando per diventare un campione”

Tin, nome onomatopeico. Ricorda il suono del cristallo, materiale pregiato come Jedvaj, sui cui la Roma ha scommesso pagandolo 5 milioni. Finora Garcia non è riuscito a far disputare un minuto al difensore croato, del resto Benatia e Castan sono i pilastri della difesa migliore d’Europa e come prima alternativa è stato scelto Burdisso. Tin, però, sembra avere un carattere d’acciaio e non di cristallo: è disposto ad aspettare il suo momento perché è qui che vuole diventare un campione. Lo ha detto nella sua prima intervista italiana rilasciata in un giorno speciale, quello del suo 18˚ compleanno(festeggiato coi compagni a piazza e coca- cola). Per ora non possiamo far altro che credergli sulla parola.

 

Jedvaj auguri. Ora che è maggiorenne si aspetta di esordire in serie A?
«Grazie, ma non ho fretta. Il mio momento arriverà, sono ancora giovane. Sono qui da 3 mesi e pian piano mi sto ambientando. Domani intanto giocherò la prima partita ufficiale con la Primavera (oggi contro il Latina a Trigoria, ndr). Sto studiando per diventare campione, senza fretta. Intanto faccio scuola guida».

Quali sono i suoi punti di forza e quali quelli su cui deve lavorare?

«Ricopro diverse posizioni, mi ritengo bravo tecnicamente e fisicamente pronto per la serie A, ma le mie doti le vedrete sul campo. Non mi piace essere forte a parole».

 

Ma è vero che in Croazia la paragonano a Maldini?
«Sì ed è un onore per me. Ma io vorrei dimostrare di essere Jedvaj e non l’erede di qualcuno. Il mio idolo in assoluto è Thiago Silva e anche se in Italia avete un’ottima scuola io preferisco i difensori brasiliani o spagnoli ».

A proposito di brasiliani, le pesa il paragone con Marquinhos?

«A questo punto della stagione aveva giocato più di me, ma sono pronto a non farlo rimpiangere e a dimostrare di essere all’altezza ».

Come è stato l’impatto con la città?

«Roma è bellissima, i tifosi sono pazzeschi. Ho visto un po’ tutto: dal Colosseo al Vaticano passando per piazza di Spagna. Nei posti dove ci sono turisti giapponesi e cinesi è più facile camminare perché non mi riconoscono. Un difetto? Sicuramente il traffico».

Scudetto: la Juve è davvero più forte di voi?

 «No, io credo che siamo sullo stesso livello. Il nostro obbiettivo però resta la Champions. Ora si dice che siamo in crisi, ma se i tre pareggi fossero arrivati in mezzo alle 10 vittorie nessuno avrebbe detto nulla».

Vi manca Totti?

«Naturale, lui è il capitano e ci manca la sua magia ma dobbiamo iniziare a vincere anche senza di lui perché purtroppo arriverà prima o poi il momento in cui smetterà».

E di Garcia che pensa?

«Non posso che parlarne bene, ha creato un bell’ambiente e i risultati sono dalla sua parte».

Nel gruppo chi le dà più consigli?

«Pjanic e Ljajic sicuramente, visto che veniamo dallo stesso Paese, ma anche De Rossi, Strootman o Benatia. Cerco di rubare qualcosa a ognuno di loro ».

Parla di stesso Paese ma Pjanic è bosniaco e Ljajic serbo. Voi giovani avete superato la tragedia della ex-Jugoslavia?

«Nessuno dimentica quello che è successo, ma noi giovani guardiamo al futuro e certi pregiudizi stanno scomparendo. Non esistono cattolici o musulmani, serbi o croati. Siamo tutti uguali».

Tempo libero: Playstation o social network?

«Da quando sono in Italia uso molto di più le consolle soprattutto i giochi sparatutto (ieri era alla presentazione della Playstation 4, ndr).

Mi piace molto lo shopping e anche il cinema, ma qui in Italia non avete i sottotitoli nei film: li doppiate tutti…». E la musica?

«Mi piace la dance e l’hip-hop».

Fidanzato?

«No, non ancora. Anche in questo campo non ho fretta».

Si faccia un regalo per i 18 anni: scudetto o Mondiali con la Croazia?

«Troppo difficile!. Tutti e due non si può?».

Fonte: Leggo/F.Balzani

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom