Rassegna Stampa

Si arrivi a un’intesa senza il rischio di rimpianti

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 28-12-2015 - Ore 09:24

|
Si arrivi a un’intesa senza il rischio di rimpianti

IL TEMPO - GIUBILO - Credo che il popolo romanista continui a sognare un finale come quello dell’ «attimo fuggente» di Robin Williams. Il «Capitano, mio capitano» che rimane nella memoria di tutti i cinefili. Sarebbe stato un degno passo d’addio, per il più grande fuoriclasse della Roma di tutti i tempi.

Purtroppo non sembra destinato a dissolversi quel cono d’ombra che avvolge questo enigmatico finale di carriera di Francesco Totti, un alternarsi di promesse, di speranze, di delusioni che sembrano non finire mai. Con tutto l’amore, con tutta la gratitudine ai quali il capitano ha diritto, l’obbiettivo comune, il principale, è il bene della Roma, che pretende chiarezza e comuni intenti di una conclusione all'insegna della ragione e della dignità.

Da mesi, ormai, si assiste a uno strano balletto, un grande campione che attende un cenno per garantirsi ancora una parentesi importante in giallorosso. E una società che deve riflettere con attenzione prima di cedere agli impulsi del cuore, nei confronti di un campione che attualmente è il quarto, in grado di anzianità, tra i veterani in attività nei principali campionati europei e che questo traguardo ha raggiunto indossando sempre la stessa maglia, anteponendola nella sfera degli affetti anche a quella azzurra, con la quale è diventato campione del mondo nella magica serata di Berlino.

Gli ultimi sussurri, da non trascurare in assenza di voci ufficiali suggeriscono che Francesco abbia tutte le intenzioni di allungare ulteriormente il suo cammino agonistico di straordinario spessore, per quantità ma soprattutto per qualità. Nuova proprietà non lancia segnali incoraggianti eTotti da parte sua non è disposto a limitare i suoi orizzonti di gloria. Al rinnovo di contratto, che è nelle sue aspirazioni, si oppongono ostacoli rilevanti. A parte le cifre che provocherebbero malcontento in seno alla squadra.

Comunque finisca, questa storia deve avere un seguito, o una fine nell'ipotesi peggiore, che sia limpida e non lasci né rimpianti né inutili contestazioni.

 

 

 

Fonte: IL TEMPO - GIUBILO

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom