Rassegna Stampa

Spalletti II, la rivincita

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 14-01-2016 - Ore 08:12

|
Spalletti II, la rivincita

LEGGO - BALZANI - Ora è ufficiale: Luciano Spalletti è (di nuovo) il nuovo allenatore della Roma, il 5° dell’era americana, il quarto cavallo di ritorno giallorosso dopo Foni, Liedholm e Zeman. La firma del tecnico, che portò a Roma «i giusti comportamenti» e l’ultimo trofeo (la coppa Italia nel 2008), è arrivata in un ristorante della suggestiva South Beach a Miami quando in Italia stava per sorgere il sole.

Spalletti è sbarcato in Florida intorno alle 18,40 locali e una volta varcata la dogana ha cercato con lo sguardo Baldissoni e Alex Zecca (il bracciodestro di Pallotta) mentre un tifoso gli imponeva il primo selfie. Dopo un’ora scarsa di colloquio col presidente è arrivato il brindisi. «Il progetto è affascinante e io a Roma devo finire un lavoro», il succo del discorso di Spalletti che percepirà 2,8 milioni a stagione per 18 mesi (con opzione per altri 12) e porterà il vice Domenichini e l’allenatore della difesa Baldini. La difesa sarà proprio il reparto da rinforzare maggiormente: Neto (Zenit ex Siena), Tonelli, Caceres e Santon in attesa a giugno di Criscito («Fiero di piacere alla Roma»). Nomi “italiani” ed essenziali. Va bene anche Adriano del Barça, a patto riduca le pretese. A centrocampo piace Zielinski. Davanti, con lo spostamento di Florenzi, c’è da valutare Gervinho che rischia di fare la panchina sia nel 4-2-3-1 sia nel 4-3-1-2. Dal Jiangsu Suning, che ha ingaggiato Luiz Adriano, sta per arrivare un’altra offerta mica male: 15 milioni alla Roma e 8 al giocatore. Con quei soldi si chiuderebbe per Perotti.

Ma chi rischia oltre all’ivoriano? In difesa salgono le quotazioni di Castan e Torosidis. A centrocampoDe Rossi partirà titolare ma dovrà guardarsi da Strootman. Capitan Futuro ha sentito Spalletti tramite sms, così come Totti (Scarpa d’oro col toscano) che coronerà un suo vecchio sogno: «Mi piacerebbe chiudere la carriera con lui». Oggi alle 12,30 Spalletti sbarcherà a Fiumicino (ad accoglierlo previsti un bel po’ di tifosi) e nel pomeriggio dirigerà il primo allenamento. Qualche ora prima arriverà l’annuncio. Ma perché andare fino a Miami e perdere due giorni di lavoro? In realtà l’incontro è stato richiesto dallo stesso

 

 

 

Fonte: LEGGO - BALZANI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom