Rassegna Stampa

Spalletti, il ritorno più atteso

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 11-01-2016 - Ore 07:11

|
Spalletti, il ritorno più atteso

CORRIERE DELLA SERA - PIACENTINI - Una decisione definitiva sarà presa oggi, ma la Roma pensa al dopo-Garcia. Dopo le esternazioni del presidente James Pallotta, la conference call di ieri con il d.s. Walter Sabatini e il Ceo Italo Zanzi e la partenza per Miami del d.g. Mauro Baldissoni, il problema da risolvere dentro Trigoria non è più «Garcia sì o Garcia no», ma chi mettere al suo posto. 
Il nodo da sciogliere non è da poco, perché dentro questo dubbio c’è tutta una filosofia societaria. Da un lato ci sarebbe l’attesa fino a giugno, quando si libereranno alcuni profili che piacciono a Sabatini, rimasto l’unico nella Roma a difendere il tecnico francese. Primo tra tutti Antonio Conte, ma con l’attuale commissario tecnico della nazionale c’è stato solo qualche sondaggio, senza avere da lui la garanzia che accetterà solo l’offerta romanista. 
Per questo, nonostante dentro Trigoria non ci sia unanimità di consensi, il nome del candidato più probabile per la panchina romanista rimane quello di Luciano Spalletti, con un contratto di 18 mesi. 
Il tecnico di Certaldo racchiude più elementi fondamentali per la scelta: 1) è libero e ha già dato la sua disponibilità a tornare in giallorosso, nonostante - per il momento - non potrà contare sul suo staff ma solo su quello messo a disposizione dalla società; 2) è un nome che avrebbe il consenso della piazza e riporterebbe un po’ di entusiasmo in una tifoseria sempre più lontana dalla squadra; 3) è un uomo di campo, più vicino a Sarri che a Garcia come interpretazione del lavoro settimanale. 
L’altra possibilità è Jorge Sampaoli, il c.t. argentino che ha portato il Cile al Mondiale 2014 e alla vittoria in Coppa America. Casualmente, oppure no, si trova a Miami, dove oggi si incontreranno Pallotta e Baldissoni. 
Chi ieri ha visto Garcia entrare a Trigoria racconta di un uomo che aveva capito il proprio destino. Scuro in volto, demoralizzato, ha provato a fare finta di niente. Dopo un colloquio con Sabatini ha tenuto la squadra a rapporto prima della ripresa degli allenamenti usando toni più duri del solito. «Tirate fuori gli attributi» [...]

Fonte: CORRIERE DELLA SERA - PIACENTINI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom