Rassegna Stampa

Spalletti: «Napoli-Roma non sarà decisiva. Loro fortissimi anche senza Milik»

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 11-10-2016 - Ore 08:12

|
Spalletti: «Napoli-Roma non sarà decisiva. Loro fortissimi anche senza Milik»

CORRIERE DELLA SERA - PIACENTINI - «La partita di Napoli è molto importante: non dirà chi arriverà davanti a fine campionato, però può dare molto sotto l’aspetto dell’entusiasmo perché i tifosi di Roma e Napoli vivono per i risultati della squadra. Sarà una partita delicata e difficile, noi dobbiamo farci trovare pronti». Luciano Spalletti, in un’intervista a Mediaset, gioca in anticipo il match del San Paolo di sabato pomeriggio (ore 15), uno spareggio per decidere chi sarà l’anti-Juve.

Tra i protagonisti non ci sarà Milik, centravanti napoletano che ieri mattina è stato operato per la rottura del legamento anteriore del ginocchio sinistro. «Perdono un buon calciatore - le parole dell’allenatore - ma non la loro forza. Gabbiadini, quando ha giocato, ha sempre dimostrato di essere un campione, con i gol e la stima dei compagni. Con lui in campo la squadra gioca con la stessa fiducia, non sarà più facile per noi».

La vittoria contro l’Inter prima della sosta ha riportato un po’ di tranquillità, ma la Roma non ha ancora raggiunto l’equilibrio richiesto da Spalletti. «Dobbiamo migliorare la fase difensiva e fare velocemente dei passi in avanti perché abbiamo già lasciato dei punti importanti per strada». Dal punto di vista societario, secondo il tecnico, l’addio di Sabatini toglie un punto di riferimento. «Walter mi aveva anticipato qualcosa, io avevo lavorato per il contrario. Abbiamo perso una sentinella di Trigoria, perché lui viveva per la Roma. Ho a disposizione una buonissima rosa che lui ha creato e che porterà risultati importanti anche in futuro. Noi abbiamo la necessità di vincere il più velocemente possibile. Oltre ad una squadra forte serve una società altrettanto forte e quella che vorrei io prevede Spalletti allenatore, Sabatini d.s., Baldissoni d.g. e Baldini vicepresidente. Pallotta? È un presidente presente, quando parla in inglese gli si sente il dialetto romanesco. È dentro la situazione, ha messo dei tasselli nei punti giusti ed è intervenuto quando ce n’è stato bisogno».

Il futuro di Totti non è un argomento che, per il momento, interessa al tecnico. «Deve pensare al suo presente da calciatore, perché è quello che ama fare. Più passa il tempo e più è presente negli allenamenti: la stessa qualità che ha in mezzo al campo la metterà in quello che farà dopo». Notizie dal campo: Ruediger e Nainggolan si sono allenati in gruppo, il belga sarà a disposizione per la gara di Napoli.

Fonte: Corriere della Sera - Piacentini

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom