Rassegna Stampa

Spalletti: «Più vincenti che belli»

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 28-11-2016 - Ore 06:58

|
Spalletti: «Più vincenti che belli»

LEGGO - BALZANI - Soffrendo più del dovuto, tanto da temere la solita beffa, la Roma ritrova con fatica all’Olimpico quello che aveva perso a Bergamo: il -4 dalla Juventus inciampata a Genova. Ma non la convinzione di poter essere seriamente la prima rivale anti-bianconeri. E’ finita 3-2, infatti, contro il Pescara ultrarimaneggiato di Oddo che nel finale ha rischiato di pareggiare tra lo stupore generale. Eppure, sembrava filare tutto liscio col solito Dzeko autore di due gol nei primi dieci minuti. Il bosniaco è salito a 12 gol staccando Icardi e Belotti, diciassette quelli stagionali in 20 partite (superato il record di Batistuta a 15), cinque in 4 giorni. Soprattutto grazie a lui oggi la Roma può vantare il miglior attacco della sua storia: 33 gol nelle prime 14 di campionato, come nel 1934.A preoccupare Spalletti però sono altri numeri: 16 gol subiti. Due dal Pescara (l’ultima e unica volta che gli abruzzesi avevano segnato più di una rete era il 21 agosto contro il Napoli) che ha accorciato le distanze nella ripresa con Memushaj e l’ex Caprari, prima suDzeko poi sul rigore di Perotti. Troppi per una squadra che punta allo scudetto. Si tratta comunque della settima vittoria su 7 gare in casa per Spalletti che prima di Natale avrà l’opportunità di giocare in trasferta solo nello scontro diretto con la Juve, ma che deve restituire serenità a una squadra con troppi vuoti di memoria in vista di un derby decisivo.

«Così non va. Se giochiamo così contro la Lazio non vinceremo di sicuro – ha sentenziato Dzeko -. Abbiamo faticato, avevamo iniziato bene e dopo forse ci siamo accontentati, abbiamo perso troppe palle e non abbiamo giocato molto bene. Ora l’importante sono i 3 punti ma dobbiamo migliorare». Spalletti però non ha apprezzato e ha risposto così (anche se col sorriso): «Pensasse a giocare meglio lui perché non conta solo segnare». Poi ha continuato: «Non ci garba ora essere belli, ma vincenti. E questa vittoria non era così scontata, nessuna lo è. Dobbiamo concedere meno e perdere meno palloni, ma se non fossimo partiti così forte non ci sarebbe stato quel calo. Non sappiamo scegliere quando rallentare o no. E’ un bene che si porti a casa una partita senza essere bellissimi, con mestiere». De Rossi, infine, si aspettava di festeggiare le 400 presenze nella Roma con meno ansia: «Ha ragione Dzeko, domenica sarà un derby duro. Ma una vittoria un po’ sporca come quella col Pescara ci sta».

Fonte: Leggo - Balzani

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom