Rassegna Stampa

Spalletti punge Zeman e Totti «Alleno la Roma non i singoli»

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 30-01-2016 - Ore 08:39

|
Spalletti punge Zeman e Totti «Alleno la Roma non i singoli»

GAZZETTA DELLO SPORT - PUGLIESE - Alla fine ha dato delle pettinatine un po’ a tutti: a Zeman su Totti, a Totti sul suo possibile impiego, alla società su Darcy Norman ed al d.s. Walter Sabatini sul mercato e sull’ultimo arrivato in giallorosso, il bosniaco Zukanovic. Nel pieno rispetto del suo modo di vivere e dire le cose, sempre con un pizzico di ironia e sagacia in più. La terza gara dello Spalletti 2.0, quella di stasera contro il Frosinone, nasce così, tra tante parole e mille problemi. Già, perché nell’allenamento di ieri pomeriggio si sono fatti male anche Digne (probabile lesione al flessore della coscia sinistra, tra oggi e domani gli accertamenti clinici) e Torosidis (lesione muscolare di primo grado al polpaccio sinistro, out almeno due settimane). E allora, forse, quella pettinatina al preparatore canadese Darcy Norman è quella più esatta, visto che con questi due siamo arrivati già a 15 infortuni muscolari (ricadute comprese). 

SULLA PREPARAZIONE Spalletti Norman ed Ed Lippie se li è ritrovati, messi lì direttamente da Pallotta. Difficile che ne possa parlare male, ma le cose le ha messe subito in chiaro: «Sono persone aperte al dialogo, mi hanno dato dei programmi dei lavori fatti in precedenza, ma poi bisogna sempre vedere come sono stati abbinati a quelli sul campo. Gli ho detto quello che mi piace fare, ho trovato disponibilità da parte loro. Ma poi alla fine si fa un lavoro come piace a me». Come dire, mettiamo subito le cose in chiaro. E gli infortuni di Digne e Torosidis non gli sono andati giù. Basta alzare un pochino l’asticella dell’intensità, che i giocatori vanno giù uno dopo l’altro. 

SU TOTTI E ZEMAN L’altra pettinatina Spalletti l’ha riservata a Zeman e alle sue parole su Totti («Spiace vederlo infreddolito il panchina, va gestito diversamente»). Replicando così: «Quando le ho sentite sono rabbrividito, visto che due minuti prima eravamo al telefono insieme. Zdenek prima mi ha ripetuto come a Trigoria nessuno rispetti le regole, poi detto cose completamente diverse. Quando allenerà la Roma farà vedere le sue qualità e come la gestisce bene. Anche Totti». Già, il capitano della Roma. «Io gestisco la Roma, non il singolo — continua il tecnico della Roma — Per me questa con il Frosinone è una partita fondamentale per il nostro futuro, giocherà chi mi dà più garanzie e chi è più pronto. Perché la Roma ha bisogno di prontezza, forza, corsa, disponibilità e sacrificio». E chissà come l’avrà presa il capitano ascoltando queste parole... 

SUL MERCATO E infine l’ultima pettinatina, quella a Walter Sabatini. Non tanto per El Shaarawy («Lui voleva venire a tutti i costi e per me è più utile di un Gervinho che invece voleva andar via in tutte le maniere»), quanto per Zukanovic: «Sabatini è stato bravo a inserirsi, è un acquisto che ho avallato anche io perché conosco il giocatore. Viene a completare un reparto per fare risultato subito. Ma se parliamo di un mercato fatto a bocce ferme per vincere è tutto altro discorso». Insomma: va bene anche uno come Zukanovic, ma per i titoli e le vittorie vere serve altro...

Fonte: GAZZETTA DELLO SPORT - PUGLIESE

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom