Rassegna Stampa

Spalletti: «Sarà un anno bellissimo, ma la difesa è ancora da sistemare»

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 06-07-2016 - Ore 07:01

|
Spalletti: «Sarà un anno bellissimo, ma la difesa è ancora da sistemare»

CORRIERE DELLA SERA - PIACENTINI - E’ ottimista, Luciano Spalletti: la stagione della Roma ufficialmente comincerà domani con la convocazione dei calciatori a Villa Stuart per le visite mediche pre-raduno, la partenza per il ritiro di Pinzolo è fissata per sabato (venerdì il primo allenamento a Trigoria), e per quel giorno la speranza del tecnico è di avere a disposizione i rinforzi che ha chiesto a Walter Sabatini.

Cerca di trasmettere serenità, l’allenatore intervenuto ai microfoni di Roma Radio, ma ribadisce che se la Roma vuole puntare al vertice ha bisogno di nuovi calciatori. «Sarà un anno bellissimo — le sue parole —, ci dovremo impegnare molto per dare continuità a quanto fatto nella passata stagione. La società sta lavorando, con le problematiche che ci sono nel calcio e che stanno affrontando molti altri. Io non critico il lavoro di nessuno, Sabatini è uno specialista del mercato e siamo sempre in contatto, con lui e con gli altri collaboratori per dare un indirizzo corretto alla prossima stagione: siamo una squadra anche fuori e lo faremo vedere sempre più spesso, la Roma diventerà una grande società».

Prima però deve continuare ad essere una grande squadra, e per colmare il gap con la Juventus c’è bisogno di inserire qualche giocatore, soprattutto in difesa. «Sabatini — ha proseguito Spalletti — sa che abbiamo bisogno di mettere a posto la difesa perché sono partiti tre titolari su quattro, o due titolari e mezzo: Digne è andato, Ruediger è un titolare, Maicon è stato un grande giocatore per due anni, Florenzi ha fatto molto bene in questa posizione però bisogna sempre chiarire il suo ruolo preciso. Sono situazioni che per una squadra che vuole ambire al vertice vanno messe assolutamente a posto».

Quella del d.s. è una corsa contro il tempo, e nelle prossime ore potrebbero essere annunciati più colpi per fare contento il tecnico. Il primo in ordine di tempo sarà Alisson, che sbarca questa mattina a Fiumicino, poi dovrebbe toccare a Mario Rui.

Ancora in stand-by le posizioni di Caceres, che ieri è stato accostato al Valencia, e Zabaleta così come quella di Szczesny, che comunque non sarà a Pinzolo. Il nome nuovo delle ultime ore è in realtà un nome vecchio, cioè quello di Juan Jesus, difensore brasiliano dell’Inter che nelle ultime sessioni di mercato è stato sempre accostato alla Roma. Stavolta dovrebbe essere quella buona per il centrale mancino che all’occorrenza può giocare anche esterno: un jolly che sarebbe accolto a braccia aperte da Spalletti. Con l’Inter si tratta sulla base del prestito con diritto di riscatto (8 milioni) già fissato.

Oggi, intanto, Leandro Castan sosterrà le visite mediche con la Sampdoria: andrà via in prestito secco, con la speranza di poter tornare tra 12 mesi dopo una stagione da titolare in blucerchiato per riprendersi una maglia giallorossa.

 

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom