Rassegna Stampa

Spalletti: «Vittoria pesante, bravi a tenere alta la concentrazione»

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 28-02-2016 - Ore 09:23

|
Spalletti: «Vittoria pesante, bravi a tenere alta la concentrazione»

IL CORRIERE DELLA SERA - PIACENTINI - È sempre più Spalletti- show. C’è tanto del tecnico romanista nella sesta vittoria consecutiva della formazione giallorossa ieri sera a Empoli (3-1). Nelle scelte, ma anche per come ha guidato la squadra per novanta minuti dalla panchina: quella che ha superato l’Empoli è una squadra che comincia a somigliare al suo tecnico, che a fine gara è andato a raccogliere insieme ai calciatori l’abbraccio dei tifosi.«Prestazione pesante - le sue parole - perché fatta contro una squadra fortissima, che ha grandissima qualità. All’Empoli abbiamo concesso poco, abbiamo fatto tre gol e tirato tanto in porta. Siamo stati bravi perché abbiamo mantenuto la concentrazione fino alla fine». 
È stata una Roma tatticamente diversa rispetto a quella vista nelle ultime partite. «È una delle migliori prestazioni da quando ci sono io. Appena sono arrivato ho provato a lavorare sulla testa dei calciatori, perché è quella la strada più breve. Con l’Empoli abbiamo cambiato tanto, e devo fare i complimenti ai giocatori che si sono fatti trovare pronti. Non avere dei titolari fissi aiuta ad allenarsi meglio e a coinvolgere tutti». 
Durante la gara i tifosi gli hanno dedicato molti cori, al pari di Francesco Totti che non è entrato. Spalletti non vuole tornare sulle polemiche col capitano, ma si sofferma sulla questione tattica. «Lo avrei messo nel finale, per palleggiare meglio ma la squadra aveva fatto fatica». 
Aspettando Fiorentina (Paulo Sousa era in tribuna ad osservare i giallorossi) e Napoli di domani sera, la Roma è terza in classifica. «Vedrò la partita e spero di poter imparare ancora qualcosa perché sono due squadre che esprimono una grande qualità. Noi dobbiamo tenere la tensione alta perché le vittorie viziano. Si possono fare grandi partite se facciamo vedere agli altri di essere una grande squadra. Bisogna allenarsi nella maniera giusta, restare concentrati e fare le cose seriamente, non cullarsi su queste vittorie. Dobbiamo ambire a una posizione importante ma c’è ancora molta strada da fare perché alla fine ci sono i vincenti e i probabili vincenti, cioè quelli che hanno lavorato bene ma non hanno vinto. E la differenza la fanno questi particolari». 
Tra i grandi protagonisti del match Stephan El Shaarawy, autore di una doppietta che porta a 4 le sue reti (in cinque partite) da romanista. «Dopo i 6 mesi al Monaco, ero venuto con la voglia di spaccare tutto e di dare il massimo per questa squadra. Ho cominciato bene, devo avere continuità nelle prestazioni e nei gol. La Nazionale? Punto all’Europeo». 
L’unica brutta notizia della giornata riguarda Radja Nainggolan, uscito nel primo tempo per un problema al polpaccio destro e nelle prossime ore si sottoporrà agli esami del caso. 

Fonte: IL CORRIERE DELLA SERA - PIACENTINI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom