Rassegna Stampa

Stadio della Roma. Colpaccio di Parnasi

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 06-09-2015 - Ore 10:34

|
Stadio della Roma. Colpaccio di Parnasi

IL TEMPO - DI CORRADO - Nuovo contratto con il giudice fallimentare: blindato l’acquisto del terreno. Sparisce l’azione revocatoria. Gli ex proprietari: "Quest’accordo ci penalizza". DOSSIER Tutti i nodi del nuovo impianto 

È caduta l’ultima riserva giudiziaria che avrebbe impedito la realizzazione dello stadio dell’As Roma a Tor di Valle. Il contratto con cui Eurnova srl il 25 giugno del 2013 ha acquistato il terreno dove prima sorgeva l’ippodromo, è stato rinegoziato. Secondo gli azionisti di Sais spa, la società che ha ceduto l’area al gruppo Parnasi, tale accordo è migliorativo solo per l’acquirente, ossia per il costruttore romano Luca Parnasi. 
PATTI NUOVI

Il nuovo accordo è stato stipulato a metà dello scorso giugno e trascritto un mese dopo con atto notarile. A firmarlo sono state, da una parte, Eurnova e la controllante Capital Holding spa, dall’altra parte la curatela fallimentare di Sais spa. Si tratta appunto della società proprietaria del terreno, che il 26 giugno 2013, il giorno dopo averla ceduto a Eurnova, ha presentato domanda di concordato preventivo al Tribunale di Roma. Il 22 maggio 2014 il giudice ha dichiarato inamissibile la proposta concordataria e ne ha dichiarato il fallimento (sentenza ora impugnata dagli azionisti davanti alla Corte d’appello). La prima e più evidente modifica introdotta riguarda.

Fonte: IL TEMPO - DI CORRADO

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom