Rassegna Stampa

Stadio, slitta a lunedì l’ok del comune?

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 18-12-2014 - Ore 08:17

|
Stadio, slitta a lunedì l’ok del comune?

  Le polemiche infuriano ma si va avanti. Lunedì 22 si potrebbe chiudere con il voto sulla delibera che sancisce il pubblico interesse alla costruzione dello Stadio della Roma di Tor di Valle. Ieri, un altro singhiozzo del Consiglio comunale: a mezzogiorno, relazione dell’assessore all’Urbanistica, Caudo, inizio della discussione sul testo con il voto sulle pregiudiziali di legittimità presentate dai 5Stelle e, all’una, immediata caduta del numero legale. Oggi si riparte con il dibattito che occuperà l’intera seduta e lunedì si proseguirà prima con la discussione e poi (forse) con il voto, prima sugli emendamenti, il cui termine di presentazione scade oggi alle ore 14.00, poi sull’intera delibera. E già Fratelli d’Italia annuncia di averne presentati 100(Ghera). I Grillini sono infuriati: «La maggioranza non c’è e va in seconda convocazione apposta», dice Frongia. Ma anche dal centrodestra gli strali sono feroci: «La maggioranza perde la faccia e paralizza l’Aula» (Cantiani, NCD); «Il Sindaco non ha più una maggioranza» (Rossin e Tredicine, FI); «la maggioranza faccia chiarezza sulla sua posizione» (Rocca, Enti locali FdI).

La mattinata si era aperta con la relazione di Caudo: maxischermo e tante slide per ripercorrere la storia del progetto e le sue modifiche, quasi una lezione universitaria. Nulla di nuovo che non sia già stato scritto e detto ma con l’unica precisazione di Caudo che «i lavori dureranno 27-30 mesi dalla posa della prima pietra e che una volta che l’Assemblea voterà, il prosieguo dell’iter è affidato al proponente, che deve presentare i progetti definitivi e valutare se è il caso o no di proseguire l’iniziativa». Alle polemiche politiche risponde il capogruppo Pd, Panecaldo«La caduta del numero legale serve per poter snellire la procedura: il dibattito di oggi, con la parola ai consiglieri, rischiava di essere troppo diluito nel tempo. In questo modo possiamo iniziare prima». Intanto, nonostante le perplessità espresse più volte (soprattutto sulla proprietà del futuro impianto giallorosso), Pomarici (Lega), annuncia il voto favorevole. «Voterò sì per i benefici alla città e perché spero, da tifoso, che lo stadio possa consentire alla società di essere competitiva».

Fonte: IL TEMPO (F. M. MAGLIARO)

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom