Rassegna Stampa

Stop alla crisi con un mercato di alto livello

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 23-12-2015 - Ore 08:06

|
Stop alla crisi con un mercato di alto livello

CORRIERE DELLA SERA - TUCCI - Quando meno te lo aspetti, Lazio e Roma tornano alla vittoria e rimandano, se non annullano, la crisi. Le due imprese hanno aspetti diversi. Quella biancazzurra ha del miracoloso: chi avrebbe pronosticato un successo nella tana dei primi in classifica? Invece è accaduto proprio questo. È bastato alla Lazio metterci più agonismo, più testa, più tranquillità ed ecco che la partita ha avuto un volto completamente diverso, anche se a dire il vero la squadra di Mancini ha fatto di tutto per non centrare il risultato. A San Siro si sono rivisti Candreva e Felipe Anderson, così la squadra ha giocato con calma e scioltezza. In questo modo, oltre ad aver scacciato la crisi, la Lazio ha riacceso il campionato, perché adesso cinque squadre sono racchiuse in una manciata di punti e tutto può accadere dopo la sosta natalizia. La lotta è riaperta e potrebbe essere bellissima fino agli sgoccioli del campionato. 
S i brinda pure a Trigoria per i tre punti conquistati contro il Genoa, in attesa di capire una volta per tutte il destino di Garcia. Cosa pensa davvero Pallotta dopo che, al gol di Florenzi, la squadra intera si è avvicinata all’allenatore stringendolo in un abbraccio quasi soffocante? Significa che lo spogliatoio è con lui, ma il presidente ha anche detto che non avrebbe giudicato da una sola partita. Allora buon Natale e buon Capodanno. Però, attenzione: i guai per le romane non sono finiti, hanno solo subito una pausa. Le vacanze dovranno essere di buon auspicio per le società e in questo periodo, visto che si riaprirà il mercato, occorrerà mettere mano al portafogli, sia per la Roma che per la Lazio. Se è vero che si vuole ancora essere protagonisti di questo campionato, sarà necessario cambiare qualche pedina in formazione. Non dobbiamo essere noi a dettare le scelte, ma la tempistica è chiara: adesso o mai più. Questa volta non si può sbagliare se si punta in alto o, almeno, all’Europa che conta. Continuare a rimanere in mezzo al guado sarebbe umiliante per le due tifoserie. 

Fonte: CORRIERE DELLA SERA - TUCCI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom