Rassegna Stampa

Strootman, Castan, Balzaretti: che voglia di giocare. Ecco la Roma che suda

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 08-06-2015 - Ore 07:33

|
Strootman, Castan, Balzaretti: che voglia di giocare. Ecco la Roma che suda

GAZZETTA DELLO SPORT - ZUCCHELLI -  Uno ha battezzato due giorni fa il suo quarto figlio, un altro aspetta il terzo (la prima femmina) tra pochi giorni, il terzo non ha ancora eredi ma ha una fidanzata di lungo corso che è stata fondamentale in questi mesi così complicati. Si somigliano, le storie di Federico Balzaretti, Leandro Castan e Kevin Strootman: storie di padri e compagni che hanno trovato nella famiglia la pace e la forza per affrontare infortuni duri (o, come nel caso del difensore brasiliano, anche drammatici), storie di calciatori che erano tre punti cardine della prima Roma di Rudi Garcia, la più bella e la più vincente, quella capace di conseguire ben dieci successi di fila, e che oggi lottano per tornare ad essere quello che erano una volta.

TRA ROMA E IBIZA Le loro vacanze si divideranno tra Italia e Spagna. Escluso, pare, il Brasile, perché la signora Castan sta per partorire e sono sconsigliati voli transoceanici. L’estate di Bruna Castan si divide tra Ostia, dove anche ieri era a pranzo col marito, e la villa di Casal Palocco, quella diLeandro invece ha come punto fermo Trigoria. Si allena tutti i giorni con Luca Franceschi, Franco Chinnici e Manrico Ferrari (tutti dello staff tecnico), riposa solo nel fine settimana (e neanche sempre) e aspetta con ansia il giorno in cui verrà fissata la visita d’idoneità.L’obiettivo è quello di avere l’ok entro fine mese per allenarsi coi compagni, regolarmente, a partire dal ritiro di Pinzolo (6 luglio), aggregandosi anche per la tournée in Australia e Indonesia, nonostante i lunghi voli da affrontare. Castan non si muoverà dall’Italia, mentre Balzaretti e Strootman dovrebbero fare una sosta a Ibiza, dove entrambi sono di casa e dove avranno la possibilità di continuare ad allenarsi.

CON LIPPIE Il piano di Strootman prevede ancora esercizi di palestra e fisioterapia, tra qualche settimana potrebbero esserci passi avanti sulla corsa ma l’olandese, dopo due interventi così delicati, dovrà gestirsi una volta rientrato in campo e dovrà imparare a convivere con un fastidio, quello alla cartilagine, che non si può eliminare del tutto ma può essere contenuto senza problemi. In attesa di conoscere il nuovo preparatore Norman, già da settimane Strootman è in sintonia con Ed Lippie, l’uomo di raccordo tra staff medico e atletico che ha voluto conoscere nei dettagli il protocollo olandese che sta seguendo col suo fisioterapista di fiducia e lo sta consigliando anche con altri esercizi specifici.Le vacanze del centrocampista saranno brevi, prevista anche una nuova tappa in Olanda per riposarsi e per controllare i progressi a distanza di oltre quattro mesi dalla seconda operazione al ginocchio sinistro.

REBUS È tornato in campo per l’ultima contro il Palermo, invece, Federico Balzaretti. Sabato era ancora a Roma per il battesimo del figlio Gabriel, per lui si prevedono giorni di colloqui e decisioni importanti: il terzino vorrebbe giocare e vorrebbe farlo ancora nella Roma, anche a cifre molto più basse rispetto a quelle attuali (circa 2 milioni l’ingaggio). Adesso spetta alla società decidere se, dopo averlo pagato senza vederlo in campo per un anno e mezzo, gli si potrà dare ancora fiducia. Il contratto scade il 30 giugno, la sua volontà è quella di non far sì che sia l’ultimo della sua carriera.

Fonte: GAZZETTA DELLO SPORT - ZUCCHELLI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom