Rassegna Stampa

Strootman, il tagliando è okay

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 07-06-2016 - Ore 07:44

|
Strootman, il tagliando è okay

LA GAZZETTA DELLO SPORT - ZUCCHELLI - Tre campioni d’Italia, due sul serio, visto che hanno giocato da protagonisti la fase finale, uno solo per onor di firma, visto che è sceso in campo contro l’Avellino, togliendosi però lo sfizio del gol. Per Kevin Strootman quella dello scorso settembre è stata la 3a volta sotto i ferri, Elio Capradossi ed Ezequiel Ponce, invece, sono stati operati per la prima volta in questa stagione: sempre a settembre, pochi giorni dopo Strootman il difensore, tre mesi più tardi l’attaccante. Elio è tornato a giocare ad aprile, così come il bomber che ha regalato lo scudetto Primavera alla Roma. Sette mesi di assenza uno, quattro l’altro, per loro l’inizio di giugno è stato dolcissimo, ma anche Strootman non si può lamentare: ora è in vacanza, ma ha disputato tre test con l’Olanda (e mai per più di 70’, come da accordi tra la sua nazionale e la Roma) e due volte da capitano.

IL RITORNO DI KEVIN - Leader in campo e fuori, come d’abitudine, tanto da dire: «Per noi non sarà facile vedere gli Europei da casa, ma non possiamo lamentarci. Se non siamo in Francia abbiamo sbagliato qualcosa, è colpa nostra». Non colpe, ma meriti, sono quelli del professor Mariani, l’uomo che ha operato i tre campioni d’Italia consentendogli di tornare in campo. Per prima cosa al telefono si informa su Strootman: «Ha giocato tutte le partite con l’Olanda? E come è andato? Sono proprio contento...». Il percorso di Kevin è stato lungo: «Sì, molto, non so cosa farà quest’estate, faccio il chirurgo e non il preparatore, ma sono felice per lui. E anche per gli altri due ragazzi, hanno carburato tutti quanti, anche se ovviamente il loro percorso è stato diverso rispetto a quello di Strootman, visto che venivano da una lesione singola. E adesso aspettiamo Nura».

NURA TRA SEI MESI - Il difensore è stato operato la scorsa settimana per la lesione del crociato posteriore, un’operazione che la stessa Roma ha definito «complicata». «Il ragazzo è stato dimesso dopo tre giorni, lo aspettano sei mesi di assenza, sicuramente ce li metterà tutti — chiude Mariani — Non è stato fortunato, ma io sono ottimista. Può tornare tranquillamente quello di prima, i primi test di risonanza dopo l’operazione sono stati perfetti, lo aspettiamo tutti in campo».

Fonte: La Gazzetta dello Sport - Zucchelli

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom