Rassegna Stampa

Talismano Maicon, la Roma ci crede. Con la Fiorentina non sa perdere

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 06-12-2013 - Ore 08:51

|
Talismano Maicon, la Roma ci crede. Con la Fiorentina non sa perdere

La Fiorentina val bene un talismano. Soprattutto se questo talismano, Maicon, è di fatto l’unico terzino destro abile e arruolato per domenica. In teoria ci sarebbe anche il recuperato Torosidis, ma il greco, dopo la lesione di primo grado all’adduttore destro, è tornato in gruppo solo da un paio di giorni e quindi Garcia si affiderà ancora una volta al brasiliano.

Portafortuna E non è detto che sia un male, visto che – Roma esclusa, considerando che negli anni di Spalletti e Ranieri le due squadre si contendevano scudetti e coppe – la Fiorentina non è solo la squadra che ha affrontato più volte in carriera (13, insieme alla Lazio) ma anche quella con cui ha fatto più punti: 33, figli di 10 vittorie e 3 pareggi. Da quando è in Italia, quindi, Maicon non ha mai perso con i viola, né in casa né in trasferta. E domenica vuole continuare la tradizione. Per sé e per la Roma visto che, sussurrano a Trigoria, il brasiliano è uno dei più sicuri che la squadra lotterà per il titolo fino all’ultima giornata.

Programma personalizzato Per farlo, Garcia però ha bisogno che lui torni quel giocatore arrembante di inizio stagione. La forma fisica è in ripresa, anche grazie al programma di lavoro personalizzato: il primo giorno di allenamento della settimana, in questo caso martedì, si dedica ai suoi muscoli insieme ai fisioterapisti, poi inizia a lavorare con i compagni. I frutti si vedono: il brasiliano è già a 11 presenze, per un totale di 946’. Lo scorso anno, in tutta la stagione, si era fermato a 891.

Pericolo giallo «Grazie alla Roma sono rinato», ha detto, ribadendo le parole del c.t., Scolari, che un mese fa aveva ringraziato i giallorossi per avergli restituito uno dei giocatori su cui puntare per il Mondiale. In attesa di giocarsi «uno dei grandi sogni» della sua vita, Maicon si gode il feeling con Trigoria e con Garcia, preoccupato che lui – come De Rossi, Pjanic, Strootman, Ljajic e Florenzi – possa essere ammonito contro la Fiorentina.Un eventuale giallo gli farebbe saltare il Milan. Un derby, visto il passato da interista, da non saltare per nessunmotivo. Soprattutto ora che, grazie all’amico Kakà, la squadra di Allegri è in ripresa. Lo scambio di messaggi tra i due, in attesa della partita del 16, è già iniziato.

Fonte: Gazzetta dello Sport - Zucchelli

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom