Rassegna Stampa

Tavecchio e Conte devono scegliere: Paolo Rossi o Tardelli

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 18-08-2014 - Ore 09:59

|
Tavecchio e Conte devono scegliere: Paolo Rossi o Tardelli

È il giorno di Antonio Conte: sbarcherà in via Allegri, firmerà il ricco e complesso doppio contratto da quattro milioni di euro sino al 31 luglio 2016, cenerà con Tavecchio. Il nuovo presidente federale vorrebbe inserire un team manager di provata fede azzurra e pensa ad un campione del mondo ’82: Paolo Rossi o in alternativa Marco Tardelli. Ma al nuovo allenatore preme di più avere assicurazioni sulla sua squadra: Angelo Alessio sarà il vice, Paolo Bertelli il preparatore atletico, Massimo Carrera il collaboratore tecnico, mentre Mauro Sandreani l’osservatore di fiducia che, di volta in volta, andrà a spiare gli avversari.

Per quanto riguarda il preparatore dei portieri, spinge per Claudio Filippi, che è rimasto alla Juventus con Buffon, ma potrebbe assumere il doppio incarico. Conte vorrebbe anche un dirigente di sua fiducia e ha fatto il nome di Giorgio Perinetti, ex d.s. del Palermo, che con il tecnico ha lavorato sia a Bari sia a Siena. Perinetti dovrebbe coordinare gli osservatori del settore giovanile in cui potrebbe entrare Gianluca Conte, uno dei fratelli di Antonio. Saranno giorni intensi. Oggi il c.t. firmerà il contratto e domani svelerà alla stampa e ai tifosi come intende rilanciare la Nazionale e il calcio italiano.

Non vede l’ora di cominciare e approfitterà della trasferta capitolina per affrontare con Mauro Vladovich, il segretario delle squadre nazionali, l’organizzazione logistica in vista delle partite con Olanda (il 4 a Bari) e Norvegia (il 9 a Oslo). Il programma è già pronto con raduno l’1 settembre a Coverciano, ma Conte potrebbe voler cambiare qualcosa. Tavecchio insisterà sul team manager, che dovrebbe prendere il posto di un totem del calibro di Gigi Riva.

Oltre a Rossi e Tardelli, ballano i nomi di Cannavaro, Maldini e Antognoni. L’Aic, se interpellata, punterà su Simone Perrotta, non è interessato al ruolo di presidente del settore scolastico. Oggi se ne parlerà in Consiglio federale, il primo del nuovo corso che nominerà i vice presidenti: Beretta della Lega A (vicario) e Macalli della Pro. Abodi, Lega B, avrà la gestione della Federcalcio srl, mentre Lotito sarà a capo della commissione riforme.

Fonte: CORSERA - BOCCI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom