Rassegna Stampa

Toh, ora Dodò è indispensabile

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 11-01-2014 - Ore 07:51

|
Toh, ora Dodò è indispensabile

Eppur migliora. Magari non sarà ancora ai livelli dei terzini brasiliani di cui aveva il poster in camera quando era bambino, tra cui Roberto Carlos, e non avrà ancora il passo del suo idolo che occupa l’altra fascia, cioè Maicon, ma Dodò, gara dopo gara, sta iniziando a dare ragione a chi, non più di un anno fa, giustificava e comprendeva l’insistenza di Sabatini che, pur infortunato, lo aveva voluto portare a tutti i costi a Roma. Deve crescere e tanto, il brasiliano, e il primo a saperlo è lui. Ma intanto si gode 7 mesi interi senza aver saltato neanche un allenamento e 7 partite di fila da titolare. Domani, con il Genoa, l’8a presenza e, soprattutto, la 12a partita in Serie A. In tutto lo scorso campionato si era fermato a 11, già questo basta a raccontarne i progressi.

 

 

 

MAESTRO GARCIA  Dove non arrivano i numeri (che pure fotografano un giocatore che fa pochi falli, 5, e ne subisce più del doppio, 11, segno che gli avversari iniziano a temerlo) arrivano le immagini. Quelle di un Garcia che, dopo che Balzaretti ha iniziato a soffrire per la pubalgia, ha preso da parte il brasiliano e gli ha comunicato che sarebbe stato il titolare sulla fascia sinistra. Lo ha preso sotto la sua ala per insegnargli la tattica e la fase difensiva e i risultati si vedono. Anche perché Garcia non gli dà tregua: giovedì contro la Samp, quando si è distratto su un calcio d’angolo, le sue urla si sono sentite fino in tribuna.

 

 

 

FIDUCIA  Il più grande merito del tecnico, racconta chi Dodò lo conosce bene, è avergli restituito la fiducia che prima l’infortunio al ginocchio e poi la lunga riabilitazione gli avevano tolto. A quasi 22 anni, Dodò si sente di nuovo calciatore e impara anche a lasciarsi scivolare addosso certe critiche. Oltre a Garcia, anche Castan e Maicon lo aiutano molto, quasi come due fratelli maggiori. «E anche per questo lui a Roma sta benissimo — dice l’agente Roberto Calenda —. Se sono arrivate delle offerte la società le ha respinte perché lui non si muove. Non ci sono ipotesi di cessione».

 

 

 

CAVIGLIA OK In Coppa Italia, il 21 giugno, ritroverà quella Juventus che si è rivelata un cliente ostico, dove Dodò è andato spesso in affanno ma, come gli ha detto Garcia, «è con queste partite che si cresce». Adesso aspetta la rivincita, da affrontare — è la sua speranza — in buone condizioni. Domani ci sarà, anche se non al meglio. La caviglia, che lo ha costretto a uscire contro la Samp, ieri gli dava ancora dolore, ma stringerà i denti. Adesso che vede la luce in fondo al tunnel non si vuole certo fermare:«Del resto che ho fatto? Sono solo all’inizio…».

 

Fonte: Gasport

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom